Capoterra, una colonna romana in via Sant’Efisio?

La soprintendenza di Cagliari al lavoro per stabilire le origini del presunto reperto rinvenuto durante i lavori di rifacimento della strada.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

È spuntata fuori all’improvviso, tra cumuli e macerie, durante le opere portate avanti da Comune per la riqualificazione della via: notato dall’amministratore di condominio Giovanni Ruggeri, che ha allertato le istituzioni di competenza, il reperto ora è al centro di studi e attenzione da parte degli esperti che identificheranno il ritrovamento. “Nel parco dei nuraghetti kitsch, questa vera semicolonna romana con diametro da Tempio era usata come gradino del marciapiede. Tra il materiale della demolizione, stranamente separata dal cumulo e posata al bordo strada, avrebbe avuto una fine non dignitosa se non l’avessi riconosciuta sabato scorso. Per questo l’ho subito notificato alle Autorità della Soprintendenza, Sindaco, Carabinieri e Polizia Municipale” ha spiegato Ruggeri. Più cauti e in attesa che gli esperti si esprimano, il sindaco Beniamino Garau e il consigliere comunale Pino Dessì, esperto del campo, che ha seguito le operazioni di rilievo. “Si tratta di un elemento fuori contesto archeologico, quindi di difficile interpretazione e datazione, riutilizzato come gradino per agevolare la salita nella pavimentazione moderna che hanno appena smontato per il rifacimento del viale Sant’Efisio, anche se pare una semi colonna potrebbe essere qualsiasi cosa, anche un paracarro, di fronte alla pizzeria del signor Ruggeri ce n’è uno simile infisso sul terreno sotto l’albero di eucaliptus. Il pezzo è allo studio del funzionario della soprintendenza che a breve ci informerà sulla validità archeologica dell’elemento” ha specificato Dessì. “Se si dovesse trattare di un reperto archeologico, verrà valorizzato come tutti gli altri elementi rinvenuti nel nostro territorio” ha specificato Garau. Non rimane che attendere, dunque, il parere da parte della soprintendenza che farà luce su origini e uso del grosso blocco rinvenuto.


In questo articolo: