“Solo vecchi e ricchi tra 15 anni a Cagliari, alloggi a prezzi bassi e movida alla Fiera per tenere i nostri giovani”

Ragazzi in fuga dal capoluogo al ritmo di migliaia ogni anno, il rischio di un “cimitero per elefanti” ogni giorno più concreto. Giuseppe Farris: “Sì all’edilizia popolare per bloccare la fuga di chi ha meno di 30 anni. Buoncammino è meglio se diventa un campus universitario e non un archivio. Alleggeriamo la pressione della movida alla Marina, trasferendola nei dodici ettari di viale Diaz”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Cagliari tra quindici anni? “Se non si ferma la fuga dei giovani sarà una città di vecchi e ricchi”. Parola di Giuseppe Farris, candidato a sindaco civico. Il tema di una città non per giovani è stato lanciato da Chiara Cocco (QUI la notizia), 23enne laureata che sta tentando anche la carta della politica per provare ad aiutare principalmente i suoi coetanei. “Lo conferma l’Istat, l’età media in città è di 53 anni e ogni anno perdiamo 1200 abitanti. Ad andare via sono soprattutto ragazzi e ragazze e, dopo che le loro famiglie di appartenenza verranno meno, smetteranno case e immobili e porteranno altrove i loro capitali”, afferma Farris. Un tracollo non solo demografico, quindi, ma anche economico. Che fare per bloccare l’emorragia? “Il primo punto è tornare a puntare sulle politiche abitative. Il costo delle case è molto elevato, bisogna ripristinare azioni di edilizia popolare per evitare, come capitato con Massimo Zedda e Paolo Truzzu, di perdere 4,5 milioni dati dall’allora giunta regionale di Pigliaru per politiche abitative. Vanno calmierati i prezzi, come negli anni Ottanta quando c’erano cooperative edili”. Farris guarda anche all’ex carcere di Buoncammino: “Lì andrebbe fatto un campus universitario e non un archivio per la Procura. Abbiamo 50mila giovani iscritti all’università ma non siamo una città universitaria”.

Problema malamovida e sicurezza: “Negli ultimi anni, in seguito alla pandemia, si è registrata una concentrazione di movida alla Marina. Una delle prime azioni che metterò in campo, da sindaco, sarà costituire un tavolo di confronto con la Camera di Commercio di Cagliari, è la proprietaria di quei dodici ettari della Fiera, in viale Diaz, con tanto di parcheggi. Ecco lì si può trasferire la movida, alleggerendo in contemporanea i rioni storici”.