Porta a porta e multe a Cagliari: “Assurda quella per il mastello non pieno, pago 500 euro di Tari”

La rabbia mista a disperazione di Maria Bodano, 73enne residente in via Tirso, a Sant’Avendrace: “L’idea della sanzione se i bidoni sono pieni meno del settantacinque per cento è incredibile. Ho una casa di ottanta metri quadri, l’ultima mia pensione se n’è andata per pagare la tassa sulla spazzatura”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

Il porta a porta sta per sbarcare anche nel rione cagliaritano di Sant’Avendrace. Cassonetti addio a partire da fine settembre, ma regna la polemica legata alla possibile multa per chi riempie e mette fuori casa i mastelli riempiti per meno del settantacinque per cento della loro capienza. Maria Bodano vive in un appartamento al piano terra in via Tirso: “Ho saputo che c’è la multa se non sono abbastanza pieni, ma come si fa? Così non è possibile”, dice, seccata, la pensionata. Vede il nuovo servizio di raccolta rifiuti di buon occhio, “speriamo che non passino più automobilisti che gettano rifiuti nei cassonetti”, ma la possibile sanzione se uno dei bidoncini non è pieno per tre quarti la manda quasi in bestia.
“Ho una casa di circa settanta-ottanta metri quadri, proprio ieri ho ricevuto la bolletta della spazzatura, devo pagare quasi cinquecento euro, che è quanto prendo di pensione. Spero davvero che diminuisca con il porta a porta, ho anche tutte le altre bollette da pagare”


In questo articolo: