Mattia Ennas, il colpo di scena: si riapre l’indagine sulla strana morte del ragazzo a Mulinu Becciu

Il colpo di scena è confermato dall’avvocato Gianfranco Piscitelli: si riaprono le indagini della Procura sulla morte del giovane Mattia Ennas, il 20enne quartese morto nella caduta da quale maledetto palazzo di Mulinu Becciu. Decisiva è stata la richiesta dei genitori del ragazzo, avvolti da mille dubbi

Il colpo di scena è confermato dall’avvocato Gianfranco Piscitelli: si riaprono le indagini della Procura sulla morte del giovane Mattia Ennas, il 20enne quartese morto nella caduta da quale maledetto palazzo di Mulinu Becciu. Decisiva è stata la richiesta dei genitori del ragazzo, avvolti da mille dubbi, e ora il pm Enrico Lussu ha aperto un fascicolo sulla vicenda, come conferma oggi anche l’Unione Sarda.

L’ipotesi iniziale era quella del suicidio, ma c’è il giallo del telefono cellulare del ragazzo rubato il giorno prima che insieme ad altri particolari inquietanti agitano familiari e conoscenti di un ragazzo, Mattia Ennas, che era molto stimato. Furto e morte in conseguenza di altro reato: queste le prime ipotesi al vaglio della Procura cagliaritana. Saranno ora i carabinieri a continuare le indagini per fornire nuovi elementi alla chiarezza della vicenda, compreso il possibile ritrovamento di quel telefonino rubato. Come è morto davvero Mattia Ennas, o meglio quale è stata la causa? Se lo chiedono in tanti.


In questo articolo: