Lite tra stranieri a Iglesias, padre minaccia di morte il figlio con un coltello da cucina

Alle origini del litigio vi sarebbe la decisione del figlio di non ospitare più il padre presso un’abitazione ricevuta in comodato d’uso.

Ieri alle 22 ad Iglesias i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile sono intervenuti per una richiesta pervenuta all’utenza 112 da parte di un 33enne marocchino, residente ad Iglesias, disoccupato e con precedenti denunce. I militari si sono precipitati in soccorso dell’uomo che aveva asserito di trovarsi in pericolo presso la propria abitazione di residenza, in quanto il padre 65enne, residente a Capoterra, commerciante ambulante, anch’egli gravato da precedenti denunce, lo stava minacciando con un coltello da cucina lungo 30 cm. Il genitore, che già nel pomeriggio si era reso responsabile di un’aggressione nei confronti del ragazzo, alla vista dei militari si è liberato dell’arma e, bloccato dagli operanti, ha continuato ad inveire nei confronti del figlio con ripetute minacce di morte. Al termine della redazione dei verbali di quanto compiuto l’arrestato è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della caserma dell’Arma di Iglesias, in attesa della celebrazione del processo del rito direttissimo che si terrà nella mattinata odierna presso il Tribunale di Cagliari. Alle origini del litigio vi sarebbe la decisione del figlio di non ospitare più il padre presso un’abitazione ricevuta in comodato d’uso.


In questo articolo: