Topi, blatte e sporcizia: a Cagliari scuole chiuse a ripetizione, ma è davvero tutto normale?

Ogni giorno ormai da settimane vengono chiusi istituti per la disinfestazione da roditori e insetti, in un crescendo preoccupante. Il dubbio è se davvero non si possa fare nulla per trovare una soluzione.

Come quando ci si abitua a tutto senza più farci caso, così non fa più notizia a Cagliari la chiusura a ripetizione di scuole, asili, strutture per l’infanzia e chi più ne ha più ne metta. La causa più frequente è la presenza di topi, poi ci sono pure le blatte. E allora si chiude per procedere alla disinfestazione, una sola non basta praticamente mai e dunque si richiude ancora, con bambini e ragazzi a casa e famiglie ostaggio di una situazione che si vuole far passare per normale ma che di normale non ha proprio nulla.

Ok, Cagliari è una città di mare e c’è il porto e dunque è più esposta a situazioni così. Ma un conto è l’eccezione, l’altro la normalità di un fenomeno spiacevole e sgradevole, decisamente poco salutare e contro cui sicuramente non si fa abbastanza.

Possibile che non si riesca a trovare una soluzione a lunga durata? Possibile che si debba continuare a chiudere le scuole, e come al solito ci rimettono bambini e ragazzi, che pagano dazio anche a questo giro? Possibile che i topi debbano girare indisturbati persino nelle case di chi abita in centro.

E se bastasse tenere la città più pulita per limitare il fenomeno? Basterebbe provarci.


In questo articolo: