Sos Covid a Cagliari: chiuso il pronto soccorso del Ss. Trinità, tutti i nuovi positivi al Binaghi

Scatta il piano per avere più letti, il piazzale esterno dell’ospedale di Is Mirrionis si svuota. Chi ha il Covid finisce, in ambulanza, al Binaghi. Marracini: “Decine di posti in più, indispensabili per ricoverare anche le persone, positive, che sono al pronto soccorso”

A Cagliari il pronto soccorso del Santissima Trinità è stato ufficialmente chiuso. Da oggi, e sino a nuova data, stop agli arrivi di ambulanze all’ospedale di Is Mirrionis. La decisione, presa dall’Ats e confermata dal direttore sanitario del presidio, Sergio Marracini, è ufficiale. Terminata la trasformazione-allestimento in reparto Covid della Geriatria, tutti i nuovi positivi accertati saranno trasportati, dalle ambulanze, al Binaghi. Il flusso dei mezzi di soccorso si sposta, quindi, da via Is Mirrionis a via Is Guadazzonis. Il piano è chiaro: avere più posti letto e non intasare gli ospedali. E, facendo due più due, anche se a livello ufficiale nessuno lo dice, con l’aumento del numero di posti a disposizione sale l’asticella prima di un possibile passaggio in zona gialla. Nei reparti di terapia intensiva il livello di riempimento è al 9,2%, al 9,9 in quelli standard. “Le ambulanze con a bordo malati Covid accertati andranno direttamente al Binaghi, da oggi”, spiega Sergio Marracini. “A Is Mirrionis ci servono letti in più per ricoverare anche i pazienti che sono al pronto soccorso e che dobbiamo, per forza, ricoverare. Al momento sono una trentina”. E il nuovo reparto Covid garantisce una dotazione aggiuntiva, rispetto al totale generale, di ventidue posti, tutti sicuri.

 

 

È l’ennesima rivoluzione nel settore della sanità, nell’Isola. C’è la piena quarta ondata, caratterizzata dal predominio della variante Delta, e i nuovi positivi scovati ogni giorno sono tra i trecento e gli oltre quattrocento. Con questa mossa, l’intento principale è quello di non far “entrare in crisi” i Covid hospital. In attesa che venga presa una decisione definitiva sull’ospedale Marino: al momento continuano ad essere operativi i reparti vista mare di Radiologia e Riabilitazione, insieme all’Unità spinale.