Quartu, i tributi arretrati si possono pagare a rate: ok del Consiglio

Consentire la dilazione nei pagamenti degli arretrati di Ici-Imu, Tarsu-Tares e Tosap derivanti da accertamento: questo l’obiettivo del regolamento approvato ieri sera dal Consiglio comunale quartese

Consentire la dilazione nei pagamenti degli arretrati di ICI/IMU, TARSU/TARES e TOSAP derivanti da accertamento: questo l’obiettivo del regolamento approvato ieri sera dal Consiglio comunale quartese. «Il regolamento votato in Aula scaturisce da considerazioni di opportunità, giustizia ed equità» spiega il sindaco Mauro Contini. Il Comune ha infatti recentemente avviato le attività di verifica e accertamento per il recupero delle annualità pregresse delle entrate tributarie comunali relative a ICI, IMU, TARES. TARSU e ICP/ Diritto sulle pubbliche affissioni e TOSAP. «Calato nel contesto di perdurante crisi generalizzata nella quale le nostre comunità si dibattono, un debito tributario può produrre un insostenibile aggravio della situazione di molte famiglie e imprese» osserva Contini. «Sulla base di queste considerazioni, e richiamandosi anche allo Statuto del Contribuente che incoraggia le amministrazioni ad assumere iniziative per favorire l’adempimento delle obbligazioni tributarie nelle forme meno costose e più agevoli per i cittadini, si è ritenuto opportuno e necessario prevedere forme di dilazione nei pagamenti delle imposte e tasse accertate per gli anni arretrati».

Della possibilità di dilazionare potranno usufruire cittadini e imprese acquiescenti che, pur manifestando la volontà di sanare il debito, potrebbero non essere in grado di farvi fronte in un’unica soluzione. Attraverso l’introduzione del regolamento sulla dilazione dei pagamenti l’amministrazione intende garantire soluzioni che tengano conto delle difficoltà del contribuente, ma anche prevenire o almeno ridurre l’insorgere del contenzioso tributario.


In questo articolo: