La sfida di Andrea: “Da Sarroch all’Irlanda, faccio il pizzaiolo e qui il lockdown è più morbido”

Andrea Mallus, 40 anni, da un mese è passato da un’isola all’altra: “Ho messo un annuncio di lavoro, mi ha contattato un pizzaiolo siciliano. Qui c’è il Covid ma la situazione è diversa rispetto all’Italia. Posso lavorare tutto l’anno, non voglio il reddito di cittadinanza: dopo un passato difficile è arrivato il momento del riscatto”

Andrea sarrochese doc, come lui stesso si definisce, chiama dall’Irlanda a Radio CASTEDDU, dove si è trasferito meno di un mese fa: “Da 26 giorni sono pizzaiolo: avevo messo degli annunci nei gruppi degli italiani all’estero promettendomi che alla prima persona che mi avrebbe risposto sarei partito senza chiedere e senza sapere nulla. E così è successo. Mi ha contattato un siciliano che stava cercando una squadra per partire in Irlanda e gli serviva un pizzaiolo, quindi mi sono fatto i biglietti, le valigie, saluti a tutti e sono partito”.
Una svolta, un cambiamento radicale alla sua vita: “A me non va di fare le stagioni estive perché io ho bisogno di lavorare 12 mesi. Qui ora sono in lockdown ma è diverso, le misure sono molto più morbide. Da 10 giorni  hanno riaperto i locali, i ristoranti e le pizzerie con l’asporto e dal 20 maggio dovrebbero riaprire completamente al pubblico, quindi le cose stanno già iniziando a cambiare”.
Andrea racconta inoltre il suo passato e la voglia di rinascita: “Sono un ex tossicodipendente ero in comunità ad Iglesias per 16 mesi. Ho finito un mese fa e grazie a questo lavoro ho mollato tutto. Usavo sostanze dal lontano 1997, sono stato arrestato due volte finendo la prima volta 16 mesi a Buoncammino nel 99, e la seconda volta a Uta per 20 mesi nel 2018.
Ora è arrivata la svolta per la mia vita, rinascita, riscatto, ce la farò a costruirmi un futuro in Irlanda”.
Risentite qui l’intervista di Paolo Rapeanu e Gigi Garau
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU

 

|


In questo articolo: