“Gianfranco Manuella fu ucciso perchè conosceva il segreto di Ustica”

Clamorose rivelazioni di “Chi L’ha visto?” sul giallo di cronaca più grande della storia di Cagliari. Il giornalista Ottavio Olita: “Io ipotizzo che l’avvocato Manuella sia stato prelevato in via Abruzzi, portato alla base di Decimomannu e fatto sparire”. Manuella conosceva i segreti di Ustica, compreso il fatto che quel giorno i radar a Decimo erano spenti? La moglie conferma: “Aveva saputo qualcosa di troppo, per questo lo hanno ammazzato”. 

L’avvocato Gianfranco Manuella fu ucciso e fatto sparire perchè conosceva la verità sul giallo di Ustica. Questa la sconvolgente ipotesi con la quale si è chiuso ieri lo speciale di “Chi l’ha visto?” sul più grande mistero di cronaca della storia cagliaritana. L’avvocato Manuella era in confidenza con diversi militari della base di Decimomannu, dove ad esempio avrebbe spesso acquistato alcolici ed elettrodomestici  a prezzi decisamente favorevoli, quelli dello spaccio della base. Ma proprio nei giorni prima della sua scomparsa, nel 1981, diverse persone misteriose bussarono nella casa di Manuella, come racconta il figlio alla trasmissione Rai. L’avvocato civilista cagliaritano proprio in quel periodo sarebbe venuto a conoscenza di notizie molto scottanti sul caso del Dc9 Itavia partito da Bologna e diretto a Palermo con 81 persone a bordo, e quasi certamente abbattuto da un missile. Non finisce qui: il giorno della strage di Ustica, secondo il giornalista Ottavio Olita, i radar a Decimo erano misteriosamente spenti. Manuella entrava e usciva liberamente dalla base militare che a quei tempi “era invalicabile, come fuori dai confini della nazione”.

Quella del caso Ustica che si intreccia col giallo Manuella non è naturalmente l’unica ipotesi sulla sparizione dell’avvocato. Per anni si era parlato di traffici di droga, di affari economici internazionali, ma niente è stato provato e l’altra vera vittima di questa storia resta l’avvocato Aldino Marongiu, morto di leucemia pochi mesi dopo la liberazione da Buoncammino: fuori dal carcere centinaia di persone in festa per l’uscita di un innocente rimasto due anni in cella ingiustamente e scagionato da una sentenza. Fu uno dei primissimi grandi processi mediatici della storia italiana, telecamere puntate su un tribunale, quello di piazza Repubblica, al centro dei riflettori. Erano gli anni ruggenti di due giovani avvocati che diventarono tra i migliori dell’Isola, Luigi Concas e Franco Luigi Satta.  

Il caso che sconvolse la Cagliari degli anni Ottanta si porta ancora addosso, ancora adesso, una scia di inquietanti misteri. A cominciare dall’auto di Manuella che fu ritrovata in via Abruzzi, lasciata aperta, come se qualcuno volesse simulare un suicidio. A cominciare dal corpo che non fu mai trovato, tanto che non sono pochi a ipotizzare ancora oggi che Manuella in realtà sia vivo, semplicemente scappato all’estero. Magari-come insinua Chi l’Ha Visto?- proprio a bordo di uno di quei caccia che si esercitavano sulla pista di Decimomannu. Perchè lui, l’avvocato Manuella, spesso ostentava con gli amici il fatto che se avesse voluto, sarebbe potuto saltare su uno di quegli aerei per volare nella penisola o in Germania. “Credo che una volta ci fosse salito davvero, su uno di quegli aerei tedeschi, per andare a Roma”, racconta l’amico di sempre, Carlo Onnis.

Chi venne a prendere Manuella in quella maledetta mattina del 22 aprile 1981, accanto all’auto lasciata a due passi dal cimitero di San Michele? Chi l’Ha Visto ieri ha intervistato  Carlo Onnis, la moglie di Manuella, e i giornalisti Andrea Frailis e Ottavio Olita che con grande prefessionalità hanno ripercorso le tappe della vicenda. Quella di un omicidio senza un cadavere. Quella che colpì al cuore la Cagliari bene. “Negli atti non c’è nulla che colleghi la storia di Manuella ad altre vicende, come fatti di droga”, spiega il giornalista Olita. E c’è un altro particolare, quei cento milioni di lire che furono consegnati a Manuella qualche giorno prima della sua sparizione, soldi scomparsi casualmente insieme all’avvocato. “Qui a Cagliari in molti mi sparano in faccia la voce che Gianfranco sia ancora vivo e io conosca la verità, ma non è così”, giura la moglie. “Nel giugno del 1980 c’è la strage di Ustica- ricorda Olita- e quando vennero fatte le indagini, si scoprì che i radar della base di Decimo quel giorno erano spenti”.

Ma ecco la notizia choc. Qualche giorno prima dell’addio, Manuella raccontò ai familiari di essere in possesso di notizie sconvolgenti. Che potevano davvero essere legati alla strage del Dc9 a Ustica. Nessuno ha mai indagato a fondo sui rapporti tra Manuella e Decimo: “In quei giorni il magistrato Carlo Palermo che indagava sui traffici internazionali di armi aveva inserito la base Nato tra i possibili crocevia, l’indagine durò appena 44 giorni. Io ipotizzo che Manuella sia stato prelevato in via Abruzzi, portato alla base di Decimo e fatto sparire”, conclude Olita. E la moglie insiste: “Qualcuno ha creduto che lui sapesse qualcosa di troppo, è per questo che è stato ammazzato”. Una pagina nerissima, nella storia di Cagliari. E un caso che forse, si riapre ancora. Perchè adesso, in tanti vogliono la verità. Resta il dubbio: se Manuella è stato fatto sparire, è stato davvero ucciso? Dove, e da chi?


In questo articolo: