E’ il giorno del Super Green Pass, arriva la stretta del governo per i non vaccinati

Alle 11 cabina di regia con i partiti che sostengono il governo, poi nel primo pomeriggio il consiglio dei ministri. Le nuove misure, che hanno l’obiettivo di salvare Natale ed economia, probabilmente in vigore già da lunedì. Col tampone, la cui validità sarà ridotta a 24 ore (antigenico) e 48 ore (molecolare) si potrà andare solo al lavoro e viaggiare. Servirà invece il vaccino per poter andare al bar, in ristorante, al cinema o teatro, in palestra, piscina o partecipare a fiere ed eventi. In arrivo l’obbligo vaccinale per insegnanti e poliziotti

L’obiettivo è fronteggiare la quarta ondata senza compromettere la ripresa in atto, dare certezza agli operatori economici e salvare il Natale. La preoccupazione è unanime, così come la volontà di agire in fretta. La strada segnata è quella del Super Green pass che, nella strategia del Governo, potrebbe entrare in vigore già da lunedì. Oggi le misure che Palazzo Chigi, dopo aver ascoltato le Regioni, intende mettere in campo, verranno discusse nella riunione della cabina di regia con i capidelegazione dei partiti che sostengono il governo e poi, dopo un nuovo check con i governatori, passeranno all’esame del consiglio dei ministri nel primo pomeriggio, con il decreto messo nero su bianco in tempi record dagli uffici legislativi di Palazzo Chigi e del ministero della Salute.

Come anticipato nei giorni scorsi, il Super Green pass sarà valido solo per chi si è vaccinato o è guarito dal Covid e consentirà di andare al bar, al ristorante, al cinema, al teatro, in piscina o in montagna a sciare. Il tampone, invece, potrà continuare ad essere utilizzato per andare a lavoro o per viaggiare su aerei e treni a lunga percorrenza. Non mancano, però, i nodi da sciogliere. A fronteggiarsi sono la linea di chi preme perché la certificazione lasciapassare per i vaccinati e i guariti scatti da subito, da lunedì appunto, e sin dalla zona bianca e chi predica maggiore cautela, puntando a predisporre le nuove misure a partire da dicembre e al cambiare di colorazione di una zona. Ma la linea che al momento prevale è quella di non perdere tempo e andare dritti all’obiettivo. In arrivo anche l’obbligo di vaccinazione per insegnanti e poliziotti, mentre è probabile che servirà il certificato (anche con tampone) per utilizzare i mezzi pubblici. 

In consiglio dei ministri anche l’estensione dell’obbligo della terza dose per medici e sanitari mentre si aspetta il parere del Cts, che si riunirà oggi in mattinata, per capire di quanto ridurre la durata del Green pass (da 12 a 9 mesi o anche fino a 7) e se prevedere una riduzione da 72 a 48 ore per la durata del tampone molecolare e da 48 a 24 per l’antigenico.


In questo articolo: