Al volante del bus per Costa Rei senza mascherina sul volto, autista dell’Arst nei guai

Il viaggio da Cagliari a Costa Rei? Fatto, al volante del bus, con naso e bocca scoperti. Dopo le lamentele di un passeggero e l’articolo di Casteddu Online, arriva la conferma dell’Arst: “Avviato un procedimento disciplinare, il conducente rischia anche una multa”

La mascherina? Non copriva naso e bocca, ma era appoggiata all’altezza del mento. Così ha utilizzato il dispositivo di protezione individuale l’autista del bus dell’Arst che, domenica 19 luglio, si è trovato al volante del bus da Cagliari a Costa Rei. Un passeggero si era lamentato e, dopo aver scattato alcune fotografie, aveva scritto alla nostra redazione: “Autista Arst e tanti passeggeri senza mascherina sul volto da Cagliari a Costa Rei, salute a rischio”. La sua lettera era stata pubblicata dal nostro giornale. L’uomo, però, aveva contattato anche, via email, l’Arst. E oggi arriva la conferma proprio dall’azienda: “Abbiamo appurato che la segnalazione era vera”, spiega, contattato da Casteddu Online, il direttore centrale dell’azienda di trasporti regionale, Carlo Poledrini: “Abbiamo avviato un procedimento disciplinare nei confronti del conducente, adesso lui avrà il tempo per replicare”. E, se la sua risposta non dovesse soddisfare l’Arst, “rischia una censura o, in caso di recidiva, una multa”.

 

E, con una nota ufficiale, analizzando la presunta presenza di passeggeri senza mascherina, l’Arst spiega che nessun autista può “applicare sanzioni se tale obbligo non viene rispettato e tantomeno vigilare, mentre svolge attività di guida, sul fatto che nessuno la tolga o non venga indossata correttamente. Il Dpcm del 14 luglio 2020, nell’allegato 2 relativo al trasporto pubblico, riporta testualmente quanto segue: ‘La responsabilità individuale di tutti gli utenti di trasporto pubblico rimane un punto essenziale per garantire il distanziamento interpersonale, l’attuazione di corrette misure igieniche, nonché per prevenire comportamenti che possono prevenire il rischio di contagio’. Pertanto viene delegato alla “responsabilità individuale” li corretto rispetto delle regole e
l’attuazione di comportamenti che possano prevenire il rischio di contagio, cosa che può essere garantita da un corretto uso della mascherina da parte di tutti.
In caso di mancato rispetto delle regole si può chiedere l’intervento delle Forze dell’ordine che potrà avvenire sulla base dei compiti loro affidati”.