Spari e terrore a Tortolì, il proiettile ha sfiorato il cuore del 73enne in parafarmacia

Le condizioni dell’anziano sono stabili e non è in pericolo di vita. Ma ieri, con scene da far west, si è rischiata la tragedia, in pieno pomeriggio, con i clienti all’interno e altra gente che passava o sostava all’esterno.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Si è rischiata la tragedia ieri pomeriggio a Tortolì, precisamente a Porto Frailis, durante le scene da Far West che si sono vissute nel pomeriggio quando una banda di malviventi ha fatto irruzione in una parafarmacia per rapinarla e, ala reazione del proprietario 73enne, hanno iniziato a sparare all’impazzata, fra clienti e passanti. Per fortuna sono buone e stabili le condizioni di Natale Canu, il titolare 73enne della parafarmacia. L’uomo è ricoverato nel reparto di Chirurgia all’ospedale di Lanusei, dove è tenuto sotto osservazione dai medici che valutano un possibile intervento chirurgico. Solo per un caso la rapina non è finita in tragedia: l’uomo è stato infatti colpito al braccio sinistro a pochi centimetri dal cuore. Ancora non si conosce il bottino prelevato dalla cassa dai due malviventi armati e mascherati, che, dopo una colluttazione con il titolare all’interno dell’attività, hanno esploso il colpo di pistola e sono infine scappati a piedi. Le indagini proseguono con posti di blocco e con interrogatori e con l’acquisizione di alcune telecamere della zona: la parafarmacia non era dotata di sistemi di videosorveglianza. Preziosa per le indagini la ricostruzione della vittima, che sarà interrogato fra qualche giorno.


In questo articolo: