Fame di parcheggi a Cagliari, la proposta: “400 posti auto dentro il San Giovanni di Dio”

Il progetto di Paolo Truzzu: nel cortile interno dell’ospedale di Stampace “si può fare un parcheggio per almeno quattrocento auto. I cagliaritani devono potersi spostare anche in macchina, si possono realizzare due nuovi silos in piazza De Gasperi e viale Bonaria. Col fast parking la prima ora di parcheggio sarà gratis”. Che cosa ne pensate?

“Quattrocento posti auto nei cortili interni del San Giovanni di Dio. Lì c’è un dislivello che si può sfruttare per realizzare un parcheggio”. A dirlo, a margine della conferenza stampa organizzata insieme al candidato consigliere dei Riformatori Raffele Onnis fuori dal parcheggio mai aperto sotto piazza Nazzari è il candidato a sindaco del centrodestra, Paolo Truzzu. Un maxi spazio per le automobili nel cuore di Stampace, in uno dei rioni cittadini dove, ogni giorno, per trovare un posto libero bisogna quasi pregare tutti i santi affinchè facciano il “miracolo”. C’è fame di stalli in città, almeno stando ai calcoli fatti dal centrodestra: “Sono spariti migliaia di parcheggi negli ultimi otto anni, inclusi i 1500 del Poetto, e l’utilizzo dell’auto è diventato un incubo”, aggiunge Onnis, con alle spalle i trecentosettanta posti del Parco della Musica “sbarrati” sin dal 2011. E la proposta di Truzzu di creare un parcheggio dentro il San Giovanni di Dio trova anche la sua approvazione.

 

“Serve un piano per consentire ai cittadini cagliaritani di parcheggiare l’auto vicino a zone di pregio e commerciali, l’amministrazione comunale deve aiutarli creando opportunità e non solo con imposizioni”, osserva Truzzu. “L’auto si può lasciare sotto casa o lontano dal centro solo se ci sono alternative”. E, tra le alternative proposte dal candidato a sindaco del centrodestra, spiccano “due silos dietro il palazzo del Comune in piazza De Gasperi e tra le due banche che ci sono in viale Bonaria. Col fast parking, inoltre, la prima ora di sosta può essere gratuita”.