“Dieci multe per aver parcheggiato il furgone davanti al mio ristorante a Cagliari, l’ultima l’ho strappata”

Alessandro Depau è furioso. Il noto ristoratore cagliaritano si è visto appioppare, per l’ennesima volta, 60 euro di sanzione “perchè davanti al mio locale in viale Regina Elena non c’è lo stallo, sono costretto a lasciare il mio furgone sul marciapiede. Anche stavolta, gli agenti della Municipale mi hanno multato senza darmi il tempo di spostarlo: è una persecuzione”

Multa di sessanta euro per aver parcheggiato in modo irregolare il suo furgone davanti al suo ristorante con vista sul Bastione di Cagliari. Alessandro Depau, ristoratore, ha tenuto il conto di tutte le volte in cui ha dovuto sborsare soldi: “Dieci multe, almeno, negli ultimi cinque anni, sempre per lo stesso motivo. Non ho uno stallo di carico e scarico”, lamenta Depau, “vorrei sapere dove posso scaricare la merce per i mio locale. Gli agenti non hanno voluto parlare, hanno subito messo la multa. E io, per l’ira, l’ho strappata davanti a loro”, racconta. Esasperato, Alessandro Depau ha scritto un’email al sindaco Paolo Truzzu e agli assessori comunali al Traffico e alle Attività produttive Alessio Mereu e Alessandro Sorgia. Ecco, di seguito, alcuni stralci del messaggio.
“Sono Alessandro Depau, titolare del bar ristorante il Bastione, in viale Regina Elena 3. Come consuetudine per problematiche causate dalla mancanza di uno stallo di carico e scarico, sono costretto, come tante altre volte, a dover parcheggiare il furgone aziendale, con le gomme sopra il marciapiede fronte il mio locale. Anche oggi il malcapitato sono stato io, perché malauguratamente per me, avevo appena terminato di scaricare la merce, e non avendolo spostato subito da tale situazione in quanto sono  andato ad espletare bisogni fisiologici. I sopracitati agenti di polizia Municipale non hanno dato neanche il tempo di spostare l’auto,  in quanto era già stata sanzionata. Alla luce di quanto accade sistematicamente in questo tratto della piazza Costituzione-viale Regina Elena da parte del corpo di polizia Municipale, e non esistendo uno stallo di carico e scarico, vorrei sapere ed avere della indicazioni dalla vostra pregiata amministrazione: dove dovrei sostare per effettuare le operazioni di scarico delle merci deperibili? Chiedo per l’ennesima volta all’amministrazione di allestire una zona carico e scarico senza scaricare le colpe alla amministrazione precedente e di perpetrare verso gli operatori commerciali  e verso il cittadino una politica del fare e non del reprimere. Chiedo che tali atti persecutori abbiano una fin, o almeno che essi siano volti al dialogo e non solo alla repressione verso l’utente. Noi commercianti siamo il primo baluardo verso la criminalità e la tenuta del totale decoro pubblico, ma se ai nostri sforzi esistono elementi contrari come quelli svolti dall’amministrazione a reprimere tutti, compresi chi collabora con essa, tali sforzi sono vani. Allego la foto del verbale, che ho strappato per l’ira dinanzi ai due tutori dell’ordine cittadino. Attendo una vostra a breve chiarificazione ed una conferenza di servizi in loco, mai effettuata o effettuata qui ma in ufficio, senza comprendere le esigenze per concedere lo stallo per il carico e scarico”.


In questo articolo: