Dall’Ue niente procedura d’infrazione contro l’Italia. Conte: “Portiamo a casa il risultato che meritiamo”

Il commissario agli Affari economici Moscovici: “Roma ha risposto a tre nostre condizioni”. Di Maio: “Bravo Conte”. Salvini: “Ero sicuro”. Il premier: “Siamo un Paese credibile”

Niente procedura d’infrazione Ue nei confronti dell’Italia. La Commissione Ue ha accolto le indicazioni degli sherpa e ha deciso di non raccomandare l’apertura della procedura contro l’Italia. Così ha stabilito l’esecutivo comunitario nella riunione di oggi del collegio del commissari, dopo le misure correttive varate del governo sui conti 2019. Borsa, Piazza Affari corre. Spread in forte calo Le motivazioni di Moscovici “Avevamo posto tre condizioni: dovevamo compensare lo scarto per il 2018, quello del 2019 da 0,3 e ottenere garanzie sul bilancio 2020. Il Governo ha approvato un pacchetto che risponde alle nostre tre condizioni” e quindi “la procedura per debito non è più giustificata”: è stata la motivazione del commissario agli Affari economici Pierre Moscovici. “Il governo ha preso l’impegno lunedì sera” di rispettare il Patto facendo un “aggiustamento strutturale significativo nel 2020”, con una lettera “firmata da Conte e Tria, anche se i dettagli arriveranno in ottobre con il progetto di legge di bilancio” prossimo. “Avviare una procedura non è mai stato nelle intenzioni di questa commissione, né mia intenzione – ha aggiunto il commissario – Obiettivo del Patto non è punire nessuno ma richiedere ai paesi politiche di bilancio solide e sane”. “Non c’è nessun collegamento con le nomine, il nostro lavoro si basa sull’applicazione delle regole e noi siamo qui per applicare le regole dei trattati. Se sono rispettati bene, sennò dobbiamo procedere”, ha risposto Moscovici alla domanda su un possibile legame tra l’approvazione da parte del governo italiano al pacchetto nomine Ue e lo stop alla procedura. E infine: “la Commissione europea procederà a una “attenta valutazione del progetto di legge di bilancio 2020”, oggi “le misure prese sono sufficienti per evitare la procedura, ma è chiaro che gli impegni su 2020 dovranno essere precisi e rispettati”. Di Maio esulta Di Maio ha subito esultato: “Volevo fare le mie congratulazioni al presidente del Consiglio Giuseppe Conte per il lavoro svolto ai tavoli europei. E’ stata evitata una procedura di infrazione che sarebbe potuta ricadere sul Paese, per colpa del Pd. L’Italia non la meritava e l’annuncio di oggi rende giustizia all’Italia e a questo governo”, ha scritto su Facebook il vicepresidente del Consiglio.

 

“Se qualcuno pensa di farci chinare la testa nominando la Lagarde alla Bce, prende un abbaglio. Noi andiamo avanti per la nostra strada. Abbiamo rispetto di tutti. Chi investe in Italia deve sapere che è il benvenuto, che supportiamo il business, ma nel massimo rispetto degli interessi nazionali”, è un altro passaggio del post di Di Maio. Salvini sicuro Salvini ha mostrato invece sicurezza. “Ne ero certo (della mancata procedura, ndr), bene. Adesso proporrò al governo di accelerare sulla manovra per l’anno prossimo. Con la flat tax, ovviamente, che resta in campo, senza dubbio”. La soddisfazione di Conte “Oggi è un giorno importante per l’Italia, che porta a casa il risultato che merita. Nessuna procedura di infrazione, l’Europa ci riconosce serietà e responsabilità. Non era facile e in molti erano pronti a scommettere contro di noi. Noi invece abbiamo sempre creduto nel nostro Paese, sulla solidità dei nostri conti pubblici e sulla bontà e sull’efficacia delle politiche adottate dal mio Governo. L’Italia è un grande Paese, credibile, e anche oggi ne abbiamo avuto ulteriore conferma”, ha scritto su Facebook il premier Conte.

 

Dal nostro giornale partner Quotidiano.net


In questo articolo: