Continuità territoriale, per la Regione è tutta colpa dell’Europa: “Ci ostacola”

Con un lunghissimo comunicato, con dichiarazioni non attribuite a nessun esponente politico, viale Trento fornisce la sua versione sul tormentone aerei, garantendo che si lavora per assicurare il servizio ai sardi. Ma le segnalazioni sulla difficoltà a trovare voli si moltiplicano.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

La continuità territoriale aerea funziona male, continua a procedere stentatamente e mettendo toppe sempre troppo piccole agli strappi diventati enormi col passare del tempo e la Regione, da mesi senza assessore ai Trasporti e con le deleghe in capo al presidente, scarica gran parte delle responsabilità sulla commissione europea che ostacola procedure come quella della tariffa unica.

“Dovendo necessariamente garantire la continuità territoriale a partire dal febbraio 2023 e comunque per un tempo limitato (ottobre 2024) i ristretti tempi a disposizione non hanno consentito di riaprire il sempre confronto con la commissione europea per un nuovo progetto, e tanto meno di proporre un nuovo modello che introducesse la tariffa unica, la quale è stata in tutti i modi ostacolata dalla medesima commissione europea nella fase di confronto dell’attuale modello, nonché dei precedenti; al riguardo la previsione di una tariffa per i non residenti lavoratori parificata alla tariffa dei residenti per il periodo invernale è certamente un risultato significativo”. Questa la lacionica comunicazione che poi vira sulle rassicurazioni ai sardi, sempre più in difficoltà quando devono prendere un aereo. “La Regione è già impegnata nella elaborazione di un nuovo modello di continuità territoriale per la garanzia della connettività, che tenga dell’evoluzione della domanda di traffico nel  periodo post pandemico, e della volontà di difendere in ogni sede il diritto alla definizione di una politica tariffaria che garantisca  lo sviluppo economico e sociale della Sardegna”.

La realtà però è un’altra, fatta di centinaia di segnalazioni di sardi che non riescono a partire e di disservizi che rendono ogni viaggio una mezza odissea.


In questo articolo: