Compra una moneta d’oro da collezione, ma arrivano 50 centesimi: artigiano truffato a Selargius

Ennesima truffa online, denunciato un operaio.

Stamattina a Selargius i carabinieri, a seguito di un’attività di indagine conseguente alla querela presentata da un artigiano 35enne di Quartucciu, hanno denunciato per truffa aggravata un operaio di Misterbianco (CT). Quest’ultimo aveva posto in vendita su un noto sito di trading online, per la somma di €250, una sterlina inglese in oro coniata nell’anno 1912. A conclusione dell’affare, dopo aver ricevuto il bonifico dal cliente sardo, l’uomo avrebbe spedito alla vittima una moneta da €0,50, grossomodo delle stesse dimensioni di quella agognata dall’acquirente. È facile immaginare che la linea difensiva dell’autore dell’inganno sarà quella di sostenere di avere in realtà spedito la moneta d’oro e sarà difficile dimostrare il contrario. Tenendo per buone le dichiarazioni della presunta vittima, anche perché un inganno al contrario è difficilmente immaginabile, i carabinieri hanno ricostruito chi materialmente abbia ricevuto il bonifico da €250 e questo è un dato consolidato. Al di là dei casi conclamati, questa strana situazione ci chiarisce come, se ancora ce ne fosse bisogno, sia pericolosa una contrattazione on-line con degli sconosciuti, il pacco è veramente dietro l’angolo e ottenere giustizia diventa talvolta veramente molto complicato.


In questo articolo: