Cagliari, ecco il piano del traffico: una nuova maxi rotatoria tra il Largo e via Roma

Piste ciclabili, la metropolitana di superficie e tante rotatorie per mandare in pensione i semafori per sciogliere i nodi che congestionano la viabilità cittadina. Il pums (piano urbano di mobilità sostenibile) ieri è stato presentato in commissione Urbanistica e presto arriverà in aula.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Le piste ciclabili, la metropolitana di superficie e tante rotatorie per mandare in pensione i semafori che congestionano la viabilità cittadina. Dopo aver superato il primo scoglio in commissione Mobilità il pums (piano urbano di mobilità sostenibile) ieri è stato presentato in commissione Urbanistica e presto arriverà nell’aula di palazzo Bacaredda.
“Come opposizione non abbiamo votato. Il piano è arrivato alla fine della consiliatura e si basa su dati che ormai sono superati”, spiega Guido Portoghese Pd.
“Ho chiesto che venga messa in risalto l’esigenza di realizzare nuovi parcheggi”, ha dichiarato invece Roberto Mura, gruppo misto.
Nel pums vengono descritti gli interventi di sistemazione di tanti nodi del traffico cittadino. Due, molto complessi, si trovano lungo via Roma: il primo in corrispondenza del largo Carlo Felice in cui, oltre a via Roma, confluiscono il lungomare New York 11 Settembre (noto come via Roma lato porto), via Molo Sant’Agostino e le viabilità nella parte est di accesso a piazza Matteotti. Il secondo in corrispondenza dell’intersezione con viale Diaz, via XX Settembre, via Pirastu e via Regina Margherita. La soluzione dell’amministrazione per entrambi vede due nuove rotatorie.
Il nodo via Roma-Largo Carlo Felice è stato tra quelli a maggior numero di incidenti negli anni passati. Il Pums propone la realizzazione di una grande intersezione a rotatoria davanti al largo Carlo Felice (rotatoria ellittica) alla quale sono connesse la rotatoria esistente interna all’area portuale (tra la calata Azuni e la calata Sant’Agostino) e una nuova rotatoria che nascerà in futuro tra piazza Matteotti e via Molo Sant’Agostino.
La rotatoria ellittica su Largo Carlo Felice ha un diametro esterno di 31 metri e larghezza dell’anello circolatorio di 7,5 metri. Nell’intersezione sono previsti 4 rami in ingresso di cui quelli provenienti dal Largo, via Roma e lungomare New York 11 settembre a doppia corsia in ingresso.
La rotatoria che nascerà in piazza Matteotti avrà, a tre rami, con diametro esterno di 27 metri e corona giratoria di larghezza 7,5 metri. Come allo stato attuale, la configurazione a rotatoria mantiene il senso unico in direzione Piazza Matteotti. Il ramo in ingresso da Via Molo Sant’Agostino è a doppia corsia. Il tronco di connessione tra le due intersezioni funge anche da raccordo con l’area portuale accogliendo un raccordo alla rotatoria di esistente interna all’area portuale.
Un’altra rotatoria nascerà tra via Roma, viale Diaz, via XX Settembre, via Pirastu e via Regina Margherita. Lo schema prevede 6 rami in ingresso di cui: ramo Lungomare N.Y 11 settembre a doppia corsia alla quale si aggiunge la corsia (con cordolo divisionale) proveniente da viale Colombo, i rami di via Pirastu, via XX settembre e via Regina Margherita a singola corsia in ingresso, il ramo in ingresso da viale Bonaria a singola corsia con preferenziale bus, mentre il ramo in uscita da via XX settembre è una corsia preferenziale bus, come nello stato attuale.

Tra i nodi da risolvere anche quello dell’incrocio tra di via dei Donoratico, via Giudice Mariano, via Giudicessa Benedetta, via del Nastro Azzurro e via Medaglie d’Oro e quello tra via Ciusa, via dei Valenziani e via dei Donoratico. Poi tra gli altri viale Colombo-via Caboto, viale Monastir-via Gherardo delle Notti, viale Diaz-viale Cimitero e viale Cimitero-viale Bonaria, via Sonnino-viale Diaz-viale Bonaria e il comparto viale La Playa-via Riva di Ponente.


In questo articolo: