Cagliari, calunnia una ragazza di colore sul bus: donna zittita dai controllori del Ctm

“Quella ragazza non ha il biglietto”. Non era vero. Ma solo dopo le minacce da parte dei verificatori la donna ha smesso di attaccare una giovane di colore che viaggiava regolarmente con lei a bordo del bus. L’azienda su Facebook: “È razzismo”

“Quella ragazza non ha il biglietto”. Non era vero: era una calunnia. E a sfondo razzista. Ma solo dopo le minacce da parte dei verificatori Ctm la donna ha smesso di attaccare una ragazza di colore che viaggiava regolarmente con lei a bordo del bus.

La storia è stata raccontata da una ragazza e poi è stata diffusa nella pagina Facebook del Ctm che ha accertato la veridicità dell’accaduto dopo aver interpellato i verificatori. Secondo la testimonianza oggi sulla linea 8 all’arrivo dei controllori una donna ha segnalato loro la presenza di una ragazza di colore priva, a suo dire, di titolo di viaggio. I controllori verificano e appurano la regolarità del titolo di viaggio della ragazza di colore: “Ho controllato io, signora”. Ma all’accusatrice la parola dei verificatori non basta e “continua a inveire contro la giovane”. E tace solo quando i controllori, probabilmente esausti, la minacciano di segnalazione. Il Ctm non ha dubbi: “È stato un caso di razzismo”.



In questo articolo: