Cagliari, la disperazione del fioraio Domenico: “Affari in calo del 60% per colpa del Comune”

Domenico Logiurato, dal 1999, vende fiori fuori dal cimitero di San Michele: “Il Comune da tre anni ha sbarrato uno degli ingressi. Ho raccolto firme e fatto petizioni, non è servito a nulla e i clienti sono sempre meno”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

Un cancello, sbarrato da tre anni, e tantissimi clienti persi. Succede a Cagliari, fuori dal cimitero di San Michele: “Uno degli ingressi del camposanto non viene più aperto, prima le persone passavano davanti alla mia attività per comprare i fiori”, racconta Domenico Logiurato, fioraio dal 1999, “gli affari sono a picco, ho subìto un calo del sessanta per cento. Quasi nessuno passa più, ho fatto petizioni e raccolto firme, ma nulla”. Un bel colpo per chi campa e dà da lavorare “ad altre cinque persone” e si ritrova poi, sul groppone, mazzi di rose, gladioli, crisantemi e tulipani. E, con la crisi galoppante, non si scappa dal capitolo “sconti”.
“Tutti li chiedono, quando posso lo faccio anche se, acquistando fiori coltivati in Sardegna, i miei prezzi sono comunque bassi. Dotarci tutti di chioschi? Non sono d’accordo, serve molto spazio per posizionare i fiori e i vasi”.

In questo articolo: