Arbatax, case, piscine, discoteche e “villaggio sardo”: riparte il mega progetto turistico da 100 milioni di euro

È il mega complesso della società Jana del gruppo Mazzella: 174 mila i metri cubi di cemento tra le Rocce Rosse Capo Bellavista. Il costo complessivo è di 100 milioni di euro e prevede mille e 697 posti letto. Spazio anche ad un borgo artigianale con ristoranti e laboratori

Un mega progetto turistico da 100 milioni di euro. Una pioggia di case vacanze, assieme un gigantesco centro congressi e a un borgo artigianale sardo per la vendita dei prodotti alimentari locali. È il “Programma Integrato nel comune di Tortolì-Arbatax per la valorizzazione dei settori turistico-residenziale, artigianale, commerciale, dei servizi complementari e del sistema del verde”, della Jana, società del gruppo Mazzella.

Il progetto va avanti ormai da oltre 10 anni e ora le carte sono state depositate in Regione per la valutazione ambientale. Il territorio interessato dagli interventi del progetto “Jana” si trova ad Arbatax, nel comune di Tortolì, lungo la costa orientale della Sardegna in una vasta area non edificata di circa 170 mila mq.

La zona oggetto d’intervento è costituita da una parte alta corrispondente al versante nord occidentale della collina di Arbatax e da una parte bassa in pianura, compresa tra via Ginevra e via Porto Frailis da una parte e la ferrovia Arbatax-Mandas dall’altra. L’area è inserita in una zona strategica dell’Ogliastra: dove insistono strutture industriali collegate alla cartiera, alle sovrastrutture portuali e d’immagazzinamento merci, zone residenziali e aree ad uso agricolo e forestale. Il progetto è molto ambizioso. Sono 174 mila i metri cubi di cemento in arrivo. Il costo complessivo è di 100 milioni di euro e prevede mille e 697 posti letto.

Nell’ambito del piano sarà realizzato un Borgo Artigianale (il Villaggio Sardo), di 25 mila mc lordi con un nucleo centrale (piazza) sul quale si affacceranno laboratori con vendita diretta dei prodotti alimentari e artigianali, bar, ristoranti tipici, piazzetta, spettacoli e abitazioni per gli artigiani. Un Centro Congressi, da realizzare in via Porto Frailis, con servizi accessori e complementari, per complessivi 5 mila mc. Due strutture case vacanza, da 280 unità abitative per un totale di 41 mila mc. Una piscina, case tradizionali, da circa 280 unità per un totale di 41 mila mc legate al Centro Congressi con vendita di settimane specializzate connesse a particolari segmenti di utenza e parcheggi.

Il progetto, prima di partire, deve superare la valutazione di impatto ambientale. Perché nella zona si trovano i gioielli paesaggistici della costa orientale sarda come il complesso delle Rocce Rosse di Arbatax, Capo Bellavista e Porto Frailis.

 


In questo articolo: