Arrivano a Cagliari all’una di notte per un ritardo del treno e trovano la stazione chiusa: passeggeri scappano dalla finestra

Viaggio odissea per centinaia di persone al rientro dalla Sartiglia di Oristano. Treno stracolmo e partenza rinviata di 90 minuti. All’arrivo nel capoluogo in piena notte trovano i cancelli sbarrati e così, anche i più anziani, decidono di uscire in piazza Matteotti scavalcando una finestra.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Arrivano alla stazione ferroviaria di piazza Matteotti all’una di notte dopo quasi un’ora e mezza di ritardo al termine di un viaggio incubo. Ma non è finita: trovano i cancelli già chiusi ed escono dalla finestra. E’ successo ieri a Cagliari. Al termine del viaggio odissea vissuto dai cagliaritani e campidanesi che hanno deciso di prendere il treno per godersi le emozioni della Sartiglia nel giorno del martedì grasso.
L’ultimo treno da Oristano a Cagliari partiva alle 21:58. Alle 21:30 la stazione oristanese era invasa da un fiume di persone, forse 200 o 300, soprattutto giovanissimi intenti a godersi la giornata di vacanza scolastica, provenienti da tanti centri del Campidano e reduci da una giornata di festa e di eccessi. Il treno arriva puntuale ed il tentativo di salire a bordo somiglia ad un assalto alla diligenza, raccontano i testimoni. Vagoni e corridoi si affollano e parecchie persone premono per entrare. Passano i minuti, il treno non parte, molti continuano la festa a bordo e c’è chi fuma indisturbato. Dopo una quarantina di minuti la situazione all’interno dei vagoni risulta complessa e un annuncio avvisa: “Il treno è in stato di sovraffollamento e non partirà; si invitano i passeggeri a scendere ed utilizzare i bus sostitutivi”.
Si levano proteste e urla, ma sono pochi a scendere. L’esasperazione cresce. Ed ecco un altro annuncio che comunica che il treno non partirà e i viaggiatori dovranno prendere posto su un altro treno più capiente “quando sarà pronto”. Dopo un nuovo assalto alla diligenza e, altre proteste, finalmente alle 23:30 si parte. “Mancano due minuti all’una del mattino quando la simpatica voce annuncia l’arrivo a Cagliari con 93 minuti di ritardo. Ma non è finita”, racconta Massimo Cogotti, “ci dirigiamo verso le uscite e scopriamo che siamo rinchiusi dentro la stazione. Tutti i cancelli, quelli centrali e quelli laterali, sono chiusi con i lucchetti. Ed ecco che un ragazzo si arrampica e apre il finestrone che dà su piazza Matteotti. Non è propriamente agevole per tutti ma grazie a chi spinge dal basso e chi issa dall’alto alla fine atterriamo sulla piazza. È l’una e un quarto”.


In questo articolo: