“Volevo fare Area Sanremo in via Roma, ma il Comune ruba la mia idea”

Il racconto di Graziella Marchi: “Ho chiesto al Comune di fare un grande spettacolo nella nuova via Roma pedonale, il concorso per il festival di Sanremo. Non mi hanno neanche risposto. Poi vengo a sapere che mi hanno rubato l’idea di fare gli spettacoli in via Roma”

di Graziella Marchi

Dopo 15 anni che AREA SANREMO (ex Accademia della Canzone di Sanremo) è stata accentrata a Sanremo dal Comune (dal 2005 fino al 2016) per il quale io fui referente esclusiva per la Sardegna dagli anni 1996 – 2002, sono stata scelta, nuovamente, quest’anno, come referente del Concorso in Sardegna. Mi è stato affidato l incarico a  fine maggio 2017. Per cui non ho potuto partecipare ai bandi della Regione, del Comune e della Fondazione Banco di Sardegna.  

Ho regolare contratto con un costo di esclusiva da sostenere, abbastanza oneroso, per l’ esclusiva territoriale per l utilizzo del marchio SANREMO. Esattamente come le Agenzie di Spettacolo pagano l esclusiva di artisti nazionali.

L’ 11 Luglio ho presentato al protocollo del Comune di Cagliari la proposta  per  l’ acquisto di una SELEZIONE REGIONALE O LA FINALE REGIONALE, compresa dell’Organizzazione di tutta la Manifestazione, così come fatto negli anni tra il 1996 e 2002, con precedenti Giunte Comunali.

Sempre nel mese di Luglio sono stata ricevuta dall’ assessore al Turismo Cillocu che gentilmente ha ascoltato l’esposizione del progetto, rimandandomi, però, all’ Assessore Frau allo Spettacolo dandomi il numero fisso della segretaria Valentina LO BIANCO, al quale nessuno, da allora ad oggi, ha mai risposto.

Inoltre è curioso evidenziare che, all’ indirizzo indicato nel Portale Ufficiale del Comune di Cagliari, dell’ Assessorato allo Spettacolo, VIA MAMELI 164, 2° PIANO, dove mi sono recata personalmente, non c è alcun ufficio ma una serranda nera chiusa. E non c’è, paradossalmente neppure il numero civico! Ossia si va dal 160 e poi c’è il 166!
Dopo ferragosto, un Venerdi mattina, non avendo ricevuto risposte e non essendo riuscita a contattare alcuno, decido di recarmi al Municipio di Via Roma per chiedere un appuntamento con il Sindaco, pur non conoscendoci reciprocamente. 

Gli usceri, gentilmente, parlano con la segreteria del Sindaco, mi fanno accedere agli Ufficio e mi riceve la Segretaria, Dott.ssa Raffaella Lostia. Spiego il progetto AREA SANREMO TOUR, si sorprende di non aver ricevuto la mia proposta, regolarmente protocollata e, gentilmente, mi da il suo indirizzo email ed il cellulare affinchè io possa comunicarle il numero di protocollo e la data di presentazione della mia proposta, che le comunico alcuni giorni dopo.
Durante l’ incontro mi dice che il Sindaco sarà in ferie x una settimana e che, comunque, normalmente, e giustamente aggiungo, delega agli Assessori competenti. 
Alcuni giorni dopo riesco ad avere il n. di cellulare dell’ Assessore Frau da un consigliere comunale. Finora l Assessore non ha mai risposto al telefono.
2 settimane fa girando x la Via Roma mi viene l’ idea di proporre al Comune di Cagliari di realizzare nella Via Roma una Selezione Regionale di AREA SANREMO TOUR 2017, e chiamo la Segretaria del Sindaco, di Sabato mattina, e gentilmente risponde, informandola e dicendole l’ idea e che, della stessa, avrei inviato una PEC dicendole “perché altrimenti le persone rubano le idee molto velocemente”.
Dopo averle parlato decido di recarmi nei negozi sotto i portici per esporre il progetto e chiedere se fossero disposti a dare un contributo economico.
Quindi tra le 14 e le 16 di quello stesso Venerdi mi reco negli Uffici della Direzione della Rinascente, dei Bar, e di qualche negozio aperto, e tutti concordano che l’idea è buona e si dicono disponibili a dare un contributo economico; alcuni di essi mi chiedono però di inviare una email.

E così faccio: invio la email pec sia al Comune che ai commercianti.
Con mia grande delusione dopo appena 4 giorni dall’invio della mia email Pec al Comune di Cagliari vengo a conoscenza che hanno deciso di fare uno spettacolo il Via Roma: “il classico rubare le idee”  non è  solo detto ma presto fatto!

L’impegno e la valenza sociale del progetto per i giovani che amano cantare non ha eguali, visto che il Regolamento del Festival di Sanremo prevede da 20 anni, dei posti riservati per i partecipanti a questo Concorso, dal quale sono venuti fuori nomi importanti del panorama della musica leggera italiana: POVIA, TATANGELO, MORO, ARISA, STRAGA’, QUINTORIGO, ETC.


In questo articolo: