Sestu, perde il lavoro e si laurea a 50 anni nonostante la sclerosi multipla: il record di Gianluca

La disoccupazione, la scoperta della malattia e la voglia di andare avanti. Gianluca Aru conquista la laurea in Lettere antiche in due anni: “13 esami, molti difficili: studiarli e superarli tutti mi ha aiutato a distrarmi dal mio male”.

Disoccupato da gennaio 2020, a poche settimane dall’inizio dell’emergenza Covid, la scoperta pochi giorni dopo l’addio al lavoro di tecnico in un’azienda di ascensori di avere la sclerosi multipla e un nuovo ambizioso obbiettivo: laurearsi in Lettere antiche. E c’è riuscito Gianluca Aru, cinquantenne di Sestu. Ha sfidato tutte le avversità e i problemi, grossi come macigni, che l’avevano colpito, riuscendo a compiere un piccolo ma importante record: “Tredici esami superati in due anni. Altri dieci, frutto del mio primo percorso di studi, tanti anni fa, mi sono stati convalidati”. E, sempre in dad, ha dato materie anche complesse come “storia contemporanea e moderna e letteratura latina”. Tutto da casa, supportato dalla moglie, Mariella: “Ha sempre creduto in me”, dice Aru, che ha conquistato la laurea con la votazione finale di 98 su 110. “Studiare, appassionarmi alle materie mi ha aiutato a distrarmi dai miei mali, la sclerosi multipla e il diabete”.
E non è stata una passeggiata: “Il licenziamento dopo dieci anni di duro lavoro mi ha segnato, ma non mi ha portato via l’energia e la voglia di vivere. Ho alternato le preparazioni degli esami alle visite mediche per cercare di tenere sotto controllo la sclerosi, per quanto sia una malattia degenerativa”, osserva il cinquantenne, già in pista per conquistare la laurea magistrale “in Lettere contemporanee”. Il titolo della tesi con la quale ha conquistato la coroncina d’alloro? “Il tempo in Seneca”. E di tempo, Gianluca Aru di Sestu, spera di averne ancora tantissimo per raggiungere altri ambiziosi obbiettivi: “Anche un nuovo lavoro, magari in un altro settore”.


In questo articolo: