Samuele Arca conquista il Titolo Italiano M.M.A. nella categoria 62kg Cadetti

Il sedicenne atleta che milita nella “scuderia” della Bad Boys di Sassari, si aggiudica così il titolo ai campionati FIGMMA che si sono svolti a Roma nello scorso fine settimana.

Samuele Arca conquista il Titolo Italiano M.M.A. nella categoria 62kg Cadetti. Il sedicenne atleta che milita nella “scuderia” della Bad Boys di Sassari, si aggiudica così il titolo ai campionati FIGMMA che si sono svolti a Roma nello scorso fine settimana. “Erano anni che aspettavo questo momento” commenta a caldo con gli occhi lucidi dalla felicità, il giovane combattente sassarese dopo la conquista del Tricolore. Arca è riuscito nell’intento di vincere tre combattutissimi incontri, i primi due vinti in poco più di un’ora che poi gli hanno permesso di disputare la finale. Visto che si trattava del debutto in gabbia nelle MMA, a molti sarebbe bastato essere in finale. Ma lui non si è accontentato e con caparbietà, tecnica e resistenza è riuscito a vincere e convincere nonostante un avversario di grande valore. Il neo Campione Italiano è cresciuto nella Bad Boys allenata dal Mastro Gianmario Mereu: “Samuele ha iniziato la sua esperienza marziale che aveva appena 8 anni. Era un bambino, molto educato, timido e introverso” Racconta il suo Coach “Per i primi 5 anni si è allenato nel turno dei bambini di Wresting e Jiu Jistu, ma aveva una perseveranza ed una dedizione che è molto rara a quell’età.” Quindi la decisione di Mereu d’ inserirlo nel corso delle MMA degli adulti, dove si è subito notato una metamorfosi fisica ma soprattutto caratteriale. “Samuele è un esempio per tutti quelli che praticano questo sport, non salta un allenamento ed è uno studente esemplare.” Conclude il tecnico della gloriosa società sassarese di arti marziali. Samuele Arca sogna di diventare un Medico Sportivo, ma nel frattempo sgomita per entrare a pieno titolo con la nazionale italiana e continuare la sua crescita nelle M.M.A. Staremo a vedere perché già a dicembre ci sarà un altro importante match, ma lui, da vero Bad Boy, scalpita per ritrovare quell’emozione e quella scossa di adrenalina che solo la gabbia delle MMA può dare. Buona fortuna al giovane atleta sardo.


In questo articolo: