Militare positivo, chiude la caserma dei Carabinieri a Villagrande Strisaili

L’annuncio del Comune: “Per assicurare la prosecuzione del servizio, oggi dalle ore 10,00 alle ore 12,00 presso piazza Sennorigau sarà presente una pattuglia Radio Mobile a disposizione dei concittadini che dovessero averne bisogno”

Provvisoria chiusura al pubblico della caserma dei Carabinieri.
“Cari concittadini, nella giornata di oggi è giunta la notizia della positività al Covid-19 di un Carabiniere di stanza presso la Caserma di Villagrande”, la notizia nella pagina Facebook dell’amministrazione comunale.
“Risultano immediatamente attivati tutti i protocolli per il tracciamento delle persone che hanno avuto stretto contatto con il militare interessato che comunque si trova già da tempo in isolamento volontario dopo essere venuto a contatto a sua volta con altro soggetto positivo.
Al fine di agevolare le operazioni di sanificazione dei locali della Caserma, l’apertura al pubblico della stazione dei Carabinieri di Villagrande è temporaneamente sospesa”.
Per assicurare la prosecuzione del servizio, oggi dalle ore 10,00 alle ore 12,00 presso piazza Sennorigau sarà presente una pattuglia Radio Mobile a disposizione dei concittadini che dovessero averne bisogno.
“Considerando che la curva dei contagi nelle ultime settimane sta aumentando considerevolmente”, aggiunge il Comune, “appare strettamente necessario prestare la massima attenzione al rispetto delle prescrizioni nazionali impartite dalle autorità e all’osservanza delle semplici ma fondamentali regole come mantenere il distanziamento interpersonale, igienizzare le mani ed indossare le mascherine, come ribadito dall’ultimo DPCM del 13 ottobre 2020.
Sarà cura dell’Amministrazione tenervi continuamente aggiornati sull’evolversi della situazione che è attentamente monitorata al fine di assumere tutti i provvedimenti che dovessero rendersi necessari per evitare la diffusione del contagio.
L’Amministrazione comunale anche a nome della comunità intera esprime i suoi auguri di pronta guarigione al militare coinvolto”.


In questo articolo: