L’odissea di una mamma cagliaritana: “Trolley smarrito all’aeroporto, dentro ci sono le cartelle cliniche di mio figlio”

Un Incubo, quello che sta vivendo Anna Espis: “Atterrati a Roma con Volotea, il trolley era stato imbarcato e qualcuno l’ha preso. Dentro ci sono documenti urgenti del mio bambino che domani ha una importante visita: aiutatemi, chi ha preso il bagaglio me lo restituisca”. CONDIVIDIAMO TUTTI questo appello!!

Un trolley sparito e una visita medica “che rischia di essere incompleta”. Anna Espis, trentaduenne di Cagliari, è insieme al compagno e al loro figlio di 3 anni in un paesino a trenta chilometri da Roma, Palidoro. Domani il bimbo ha un appuntamento importante all’ospedale per un controllo, ma non ha più le sue cartelle cliniche: “Erano custodite dentro un trolley nero con una targhetta grigia metallica che abbiamo fatto imbarcare nel volo Volotea partito da Elmas alle 17 e atterrato a Fiumicino alle 17:45. Siamo andati subito nella zona del nastro, sono passati tutti i bagagli ma non il nostro”, racconta la donna. “Ho notato che c’era un trolley simile al mio ma aveva un fiocchetto rosso. È probabile che ci sia stato uno scambio, ho subito denunciato tutto alla compagnia aerea”. Poi, la Espis ha raggiunto l’alloggio nel quale dovrà passare la notte col compagno e il figlio.

 

“Sono molto preoccupata, dentro il trolley c’erano le cartelle cliniche, il beauty e anche i vestiti del mio compagno”. Chiaro che l’urgenza ce li hanno i fogli firmati dai medici: “La visita è domattina, chiunque abbia preso il mio bagaglio o sappia fornirmi informazioni utili mi chiami al +393297925417”.


In questo articolo: