“Le nuove vie di arrampicata sportiva nella foresta dei Sette Fratelli sono autorizzate?”

Gli ecologisti vogliono vederci chiaro riguardo la recente realizzazione dei nuovi itinerari di arrampicata sportiva “Granite Garibaldi” con corde, cavi, strutture infisse nella roccia, in località Perd’Asub’e Pari. La zona è tutelata con vincolo paesaggistico

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico ha inoltrato l’8 maggio una  richiesta di “accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti riguardo la recente realizzazione dei nuovi itinerari di arrampicata sportiva “Granite Garibaldi” con corde, cavi, strutture infisse nella roccia, in località Perd’Asub’e Pari, nella Foresta demaniale dei Sette Fratelli”, nel Comune di Sinnai. Vogliono vederci chiaro.

“L’area- spiegano gli ecologisti – è tutelata con vincolo paesaggistico e rientra nel sito di importanza comunitaria “Monte dei Sette Fratelli – Sarrabus” e nella zona di protezione speciale. Qualsiasi intervento in tali aree, fra l’altro, dev’essere assoggettato alle preventive e vincolanti procedure di valutazione di incidenza ambientale. La realizzazione di questi interventi di cosiddetto “turismo attivo” – aggiungono – può avvenire soltanto con il rispetto delle normative di tutela ambientale e in condizioni di assoluta sicurezza”