Furti dalle spiagge sarde, il bilancio dell’Agenzia delle Dogane: nel 2020 sequestrati 70 chili di ciottoli e 12 di sabbia

Nel corso del 2020 negli scali aeroportuali di Olbia e Alghero i funzionari dell’Agenzia delle Dogane hanno fermato numerosi viaggiatori che nei loro bagagli nascondevano in totale 70 chili di ciottoli e 12 chili di sabbia depredati dalle spiagge sarde

Nell’ambito dei controlli volti a contrastare i traffici illeciti, i funzionari Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Sassari in servizio presso le Sezioni Operative Territoriali di Olbia – Aeroporto “Costa Smeralda” e di Alghero – Aeroporto “Riviera del Corallo”, in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza e la Polizia di Frontiera, nel corso 2020 hanno fermato e sottoposto a controllo numerosi viaggiatori in partenza dai sopra citati scali, che occultavano nei bagagli 70 chili di ciottoli e 12 chili di sabbia e conchiglie provenienti dai litorali sardi, in violazione della Legge.

La quasi totalità dei passeggeri ha dichiarato di ignorare la normativa ambientale. Per tali violazioni è prevista una sanzione amministrativa da 500 a 3.000 euro, oltre al sequestro del materiale illecitamente prelevato.