Figliuolo promuove la Sardegna sui vaccini anti Covid: “Risultati molto buoni”

Secondo il generale, commissario straordinario per l’emergenza, i numeri dell’isola sono in piena media nazionale e in alcuni casi anche al di sopra. Fondamentale l’aver intercettato anziani e fragili nei paesi più isolati


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Il generale Francesco Figliuolo promuove la Sardegna per la campagna di vaccinazione anti covid. Il commissario straordinario per l’emergenza, intervenendo a Cagliari in videoconferenza al convegno “Ad Adiuvandum, un esperimento sociale di medicina preventiva, solidale e di comunità”, ha sottolineato come l’isola stia tenendo un ritmo adeguato nelle somministrazioni. “Sul fronte della campagna vaccinale la Sardegna sta operando molto bene – ha detto Figliuolo – finora ha avuto risultati molto buoni, in piena media e in alcuni settori anche al di sopra della media nazionale. In quest’ambito – ha aggiunto – si inserisce il progetto Ad Adiuvandum che nasce da un patto tra la Difesa e la Regione”. Importante, secondo il generale, il lavoro fatto nei paesini isolati, dove si è riusciti a intercettare anziani e fragili che non avrebbero mai potuto raggiungere gli hub cittadini. “I dati ci danno ragione, perché le percentuali della Sardegna su questi gruppi di età e di persone sono veramente buone”. Quindi “auspico che il progetto Ad Adiuvandum costituisca davvero una buona pratica e continui ad avere successo per la salute di tutti i nostri concittadini”, ha concluso Figliuolo.

Per quanto riguarda i numeri sul piano nazionale, Figliuolo ha riferito che siamo a quota 41 milioni di vaccinati (il 76% della popolazione italiana vaccinabile), e che dunque “la campagna ha raggiunto risultati molto buoni attestati anche qualche giorno fa dal famoso immunologo Anthony Fauci che ha parlato dell’Italia come di un modello a livello internazionale. Questo modello – ha concluso – è frutto di un lavoro di squadra fatto dalle istituzioni centrali, dalle Regioni e dalle Province autonome, dalla Difesa, dal mondo dell’associazionismo e del volontariato, dalla Croce rossa, e dai tanti privati che hanno messo a disposizione la propria organizzazione, i propri spazi, i propri amministrativi per poter organizzare i centri vaccinali”.

Infine, Figliuolo ha ricordato che è partita oggi la somministrazione delle terze dosi a fragili e immunodepressi, che in Sardegna inizierà lunedì prossimo.


In questo articolo: