Coronavirus in Sardegna a due facce: contagi stabili ma terapie intensive di nuovo in aumento

Preoccupano i dati delle terapie intensive: in due giorni ci sono stati cinque nuovi ingressi, nel parametro fondamentale per le zone gialle o arancioni. Intanto però domani stop alla zona arancione, oggi 154 nuovi contagi e tre morti. Tasso di positività sopra l’8 per cento

Coronavirus in Sardegna a due facce: contagi stabili ma terapie intensive in aumento di nuovo. Preoccupano i dati delle terapie intensive: in due giorni ci sono stati cinque nuovi ingressi, nel parametro fondamentale per le zone gialle o arancioni. Intanto però domani stop alla zona arancione, oggi 154 nuovi contagi e tre morti.  Sono 39.527 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 154 nuovi casi. In totale sono stati eseguiti 600.974 tamponi, per un incremento complessivo di 1.891 test rispetto al dato precedente.

Si registrano 3 decessi (1.019 in tutto). Sono invece 382 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (-12 rispetto al dato di ieri), mentre sono 34 (+3) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 14.269. I guariti sono complessivamente 23.590 (+114), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 233.

Sul territorio, dei 39.527 casi positivi complessivamente accertati, 9.140 (+49) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 6.344 (+8) nel Sud Sardegna, 3.349 (+34) a Oristano, 7.907 (+37) a Nuoro, 12.787 (+26) a Sassari.


In questo articolo: