Calasetta, pericoli per bagnanti e auto: rivoluzione in arrivo nella spiaggia di Sottotorre

Le frane minacciano i frequentatori di una delle spiagge più belle del Sulcis. La sabbia, senza la protezione delle dune, vola in strada creando pericoli alla circolazione. L’amministrazione comunale presenta il progetto alla Regione: previsto un accesso unico tramite una passerella in legno. I pini e gli eucalipti saranno eliminati.

Un accesso unico tramite passerella in legno e nuova vegetazione per salvare le dune, l’ecostistema e proteggere i bagnanti della spiaggia di Sottotorre a Calasetta, una delle più belle e frequentate del Sulcis. Il progetto del Comune, che attende solo il via libera dell’assessorato regionale alla Difesa dell’ambiente, mira a mettere in sicurezza il tratto di costa dal rischio di frane e a tutelare anche automobilisti e motociclisti che, nelle giornate ventose, sfrecciano sulla strada confinante ricoperta di sabbia rischiando l’incidente.
La spiaggia di Sottotorre (chiamata così per la presenza della torre sabauda che domina il tratto di costa e caratterizza il paesaggio, 250 metri di lunghezza e 3 mila mq di superficie), ha un sistema di dune che, anche in tempi recenti, era molto più esteso, ma la continua urbanizzazione lo ha ridotto ad un lembo stretto tra  la spiaggia e la viabilità urbana.
L’area è da tempo interessata da intensi processi di erosione costiera, caratterizzati da frane e “degrado morfologico e vegetazionale” delle dune di retro spiaggia. E tutti questi fenomeni, oltre a determinare il degrado ambientale, costituiscono un rischio anche per le persone e per le infrastrutture che si trovano sulla costa. Perché le frane minacciano un settore normalmente frequentato da bagnanti, oggi potenzialmente esposti ai pericoli, mentre l’erosione progressiva ormai mette anche a rischio elevato il parcheggio e la strada.
 E la scomparsa della sabbia, oltre a penalizzare la qualità paesaggistica del sito, costituisce una sfida per la sicurezza delle persone. Perché, la strada al di sopra della spiaggia nelle giornate ventose, viene ricoperta da sabbie creando pericoli per la circolazione di auto e moto. Numerose sono le segnalazioni e le contestazioni giunte all’amministrazione comunale di Calasetta riguardo dell’instabilità del versante costiero, del degrado del retro spiaggia e della sicurezza stradale.
Il progetto del Comune vuole mitigare la pericolosità dei fenomeni di dissesto delle coste e di erosione delle dune. Recuperando i luoghi e garantendo la sicurezza della frequentazione della spiaggia e la circolazione delle auto, stabilizzando i fenomeni franosi e impedendo il trasferimento della sabbia dall’arenile alla sede stradale.
Previste alcune opere. Il progetto prevede la realizzazione di un unico punto di accesso definitivo alla spiaggia dalla via Sottotorre. Un passaggio che sarà realizzato con una passerella in legno smontabile sopraelevata, nell’ambito di un sistema di percorsi pedonali obbligati tutti in legno sopraelevati (passerelle con parapetto), per la protezione delle aree dunali e della vegetazione da preservare. Anche barriere frangivento in vimini proteggeranno le dune. Palancole in legno esotico durevole saranno posizionate lungo i bordi della strada esistente, sul lato spiaggia: dovranno impedire che la sabbia si riversi sulla strada.

Opere di sostegno in terra rinforzata sistema tipo “Muralex” verranno installate per evitare le frane e una scogliera in blocchi di roccia proveniente dalle cave locali dovrà attenuare l’azione del mare. Saranno realizzate opere drenanti e verrà effettuata l’eliminazione selettiva delle specie vegetali alloctone (eucaliptus e pino, che a causa del vento sono spesso destabilizzate e tendono a rovesciarsi e franare), con la sostituzione di tali esemplari con specie autoctone della macchia mediterranea.


In questo articolo: