Cala Fighera, fuoco ad un pneumatico: “Si è rischiato l’inferno”

Grazie alla tempestiva segnalazione dei residenti, che hanno allertato i Vigili del Fuoco, è stato evitato il peggio: le fiamme avrebbero raggiunto la vegetazione secca e avrebbero divorato l’intero costone fino al promontorio della Sella del Diavolo

Attimi di paura ieri notte, intorno alle 22.30, nei pressi della scogliera di Cala Fighera, a Cagliari. Un principio di incendio, a ridosso della macchia mediterranea presente nella zona, ha rischiato seriamente di creare un inferno di fuoco, che avrebbe divorato la vegetazione circostante fino alla Sella del Diavolo. 

L’ALLARME. Ad accorgersi di quanto stava accadendo, sono stati i residenti della Paillote, che immediatamente hanno allertato i Vigili del Fuoco. Dal Distaccamento del Porto di via Roma, del servizio nautico di soccorso, sono intervenuti alcuni mezzi navali con i quali è stato attivato lo spegnimento delle fiamme dalla riva: da una prima constatazione dell’episodio, parrebbe che durante la notte ignoti abbiano appiccato volontariamente il fuoco ad un pneumatico d’auto, da lì sarebbe partito per l’appunto l’innesco. Sarebbe stato un disastro.

Fortunatamente dalla abitazioni vicine alla scogliera, i residenti si sono accorti di qualcosa di strano: prima dei bagliori di luce con delle torce, poi la prima fiammata che solo provvidenzialmente, in assenza di vento, non ha causato il finimondo. Chi abita da quelle parti però lancia l’allarme: “Di notte c’è un viavai di persone poco raccomandabili, solo per una caso ci siamo accorti di cosa stava per accadere, in caso contrario con tutta la vegetazione secca tra il costone roccioso sarebbe successo un inferno”.