Cagliari, vigili in borghese multano i proprietari dei cani: piovono sanzioni tra 100 e 500 euro a chi non lava la pipì sui muri

Raffica di multe della Polizia Municipale ai cagliaritani che non puliscono con la bottiglia la pipì in strada degli amici a quattrozampe: negli ultimi giorni stretta sui controlli e sono fioccate le sanzioni in città. Ecco cosa prevede l’ordinanza di Truzzu

Cagliari, vigili in borghese multano i proprietari dei cani: sanzioni tra 100 e 500 euro a chi non lava la pipì sui muri. Raffica di multe della çPolizia Municipale ai cagliaritani che non puliscono con la bottiglia la pipì in strada degli amici a quattrozampe: negli ultimi giorni stretta sui controlli e sono fioccate le sanzioni in città. Ancora diversi i comportamenti scorretti dei conduttori di cani che non rispettano le disposizioni dell’ordinanza 36. La Polizia Locale con personale in divisa e unità in borghese ha incrementato i servizi di controllo e di sanzionamento dei comportamenti scorretti elevando diverse sanzioni nei confronti dei conduttori dei cani. I controlli verranno intensificati in particolare con la presenza di personale della Polizia Municipale in borghese.

Ecco nei dettagli cosa prevede in merito l’ordinanza del sindaco Paolo Truzzu: “In considerazione delle numerose segnalazioni e lamentele pervenute dai cittadini, relativamente ai disagi derivanti dalle deiezioni, anche liquide, ad opera di cani a ridosso di edifici, strade pubbliche e marciapiedi, il sindaco Paolo Truzzu ha disposto con Ordinanza n. 36 del 12 giugno 2020, in via sperimentale e ai fini della tutela della salute pubblica e del decoro urbano che, a far data dal 15 giugno e sino al 31 ottobre 2020, a tutti i proprietari ed ai detentori a qualsiasi titolo di cani, nonché alle persone anche solo temporaneamente incaricate della loro custodia e/o conduzione, di munirsi, durante l’accompagnamento dei cani, di apposite bottigliette, spruzzatori o altri contenitori d’acqua da versare all’occorrenza, senza aggiunta di sostanze chimiche o di detergenti.

I proprietari dei cani dovranno riversare una congrua quantità d’acqua in corrispondenza del punto interessato dalle deiezioni liquide prodotte dai cani per diluire e ripulire le superfici interessate, su tutte le aree urbane pubbliche o ad uso pubblico e relativi manufatti e sulle aree private che si affacciano su aree pubbliche o ad uso pubblico, nonché sui mezzi di locomozione parcheggiati nella strada.

E’ fatto divieto assoluto di consentire ai cani di urinare a ridosso dei portoni di ingresso e degli accessi ad abitazioni, negozi e vetrine.

Per l’inottemperanza all’Ordinanza è stabilita una sanzione pecuniaria da 100 Euro a 500 Euro”.


In questo articolo: