Cagliari, svolta per i malati di tumore: nuovo reparto di Oncologia al Ss. Trinità

Un nuovo spazio a Is Mirrionis, oltre al Businco, per fare la chemioterapia. La decisione ufficiale dell’Ats: una scelta “necessaria e urgente”

Un reparto di Oncologia dentro l’ospedale Santissima Trinità. Dopo il caos vissuto negli ultimi tempi al Businco (tra attese snervanti e pazienti costretti, in qualche caso, a venire per due giorni di seguito pur di poter fare la terapia), l’Ats approva una delibera che, nei fatti, spiana la strada per la realizzazione di una nuova area per i malati di tumore. Un servizio aggiuntivo, ovviamente: il reparto del Businco continuerà ad operare a pieno ritmo. La decisione è stata ufficializzata ieri (la delibera è la numero 59, la proposta la numero 75 del ventiquattro gennaio 2020) e porta la firma del commissario straordinario Giorgio Steri, a capo dell’Azienda per la tutela della salute. Tra le cinque pagine della delibera si legge anche “che appare necessario garantire il coordinamento della rete oncologica territoriale afferente alle strutture di Ats Sardegna nell’area sud della Sardegna, con integrazione della funzione di assistenza oncologica con dei relativi percorsi diagnostico terapeutico assistenziali. Per tali motivazioni appare necessario ed urgente dotare il presidio unico di area omogenea di Cagliari ed in particolare l’ospedale Santissima Trinità di Cagliari di una struttura complessa di assistenza oncologica con posti letto”.
Sarà la dottoressa oncologa Giulia Gramignano a “coordinare, con il supporto degli uffici aziendali la stesura di piano operativo nel quale siano definiti tutti gli aspetti inerenti l’effettiva operatività della struttura complessa oggetto del presente atto”. Nessuna certezza sui tempi di realizzazione del progetto, ma la novità c’è tutta: tra non molto i malati di tumore di tutta la Sardegna avranno un altro punto d’appoggio nel quale potersi curare.


In questo articolo: