Cagliari, caos al SS. Trinità tra aggressioni e furti: scassinato nella notte il distributore

Due giorni fa la reazione violenta di un infermiere contro un utente. Nella notte alcuni malviventi si sono introdotti nella struttura e hanno portato via l’incasso del distributore di bevande. Cugliara, Fials: “L’ospedale è invivibile. Ci sono più furti d’auto qui dentro che fuori in via Is Mirronis”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Sabato l’infermiere che si è scagliato con violenza contro un utente. E stanotte l’ennesimo furto. E’ stato scassinato il distributore automatico di bevande del reparto Medicina e l’incasso è stato portato via. La somma non è stata quantificata, ma non essendoci un bar nella struttura, il bottino sarà stato notevole. Al Santissima Trinità il clima è sempre più pesante. “E’ un ospedale invivibile. Gli operatori non sono in grado di operare in serenità” spiega Paolo Cugliara, segretario provinciale Fials, “il mio pensiero è soffrono la loro quotidianità. Ormai ci sono più furti d’auto dentro l’ospedale che in via Is Mirrionis. Vengono svuotati i serbatoi di benzina. Succede di tutto e la notte puoi imbatterti in chiunque. Quando arriva il buio gli operatori hanno paura di uscire all’esterno per portare i pazienti da un reparto all’altro. Non sai chi puoi incontrare”.
Pochi cenni alla reazione dell’infermiere di sabato:  “E’ un caso molto strano, non me la sento di parlare. Al Santissima Trinità ci sono eccellenze tra i medici, gli oss e gli infermieri è un peccato lasciarsi andare a reazioni come questa. Le critiche vanno invece alla dirigenza medica: perché il problema principale è nell’organizzazione. Di sicuro quell’ospedale necessita di un intervento più radicale, bisogna incominciare seriamente a parlare di servizi di guardiania più incisivi, perché quello attuale non è sufficiente. Capisco che si trovi in un contesto urbano particolarmente delicato, ma non è possibile che a farne le spese siano pazienti e infermieri”.


In questo articolo: