Archeologia, edizione limitata per il XVI appuntamento di PulArchàios

Torna anche quest’anno, nonostante le vicissitudini legate all’emergenza sanitaria, la rassegna dedicata all’archeologia PulArchàios.

Torna anche quest’anno, nonostante le vicissitudini legate all’emergenza sanitaria, la rassegna dedicata all’archeologia PulArchàios.

L’edizione XVI sarà in forma notevolmente ridimensionata con soli due appuntamenti organizzati dalle Università di Padova e Cagliari previsti per Venerdì 18 settembre e Mercoledì 23 settembre 2020.

Le due conferenze tuttavia, saranno incentrate su argomenti particolarmente stimolanti anche per gli appassionati meno esperti.

Venerdì 18 sarà possibile infatti ripercorrere la storia degli scavi di Nora attraverso un percorso di immagini, alcune delle quali totalmente inedite e molto antiche, raffiguranti importanti testimonianze archeologiche oggi scomparse.

Mercoledì 28 invece l’argomento della conferenza riguarderà una delle scoperte più interessanti degli ultimi anni a Nora, ovvero le terrecotte votive ritrovate nell’area ex militare di Nora.

“Ringrazio i responsabili delle Missioni Archeologiche delle Università di Padova e Cagliari Dott. Bonetto e la Dott.ssa Carboni per aver accolto l’invito ad organizzare un’edizione di PulArchàios anche quest’anno nonostante l’emergenza sanitaria e il conseguente annullamento delle missioni archeologiche” afferma l’Assessore alla Cultura Massimiliano Zucca, che prosegue “L’edizione sarà limitata a due conferenze e saremo costretti a rinunciare a due momenti molto attesi e partecipati come il “Romanum Convivium” e le visite agli “scavi aperti” gestiti dagli stessi archeologi durante le loro ricerche, ma l’importante era non perdere questo immancabile appuntamento”.


In questo articolo: