Alghero, il Ferragosto dei vandali: “Biciclette rubate e devastate, danneggiate anche le piante caratteristiche”

La denuncia del Wwf: “Phytolacca dioica. Un gesto crudele quanto inaccettabile per tutta la città perché la Phytolacca dioica è la pianta più caratteristica di Alghero con le sue antiche e maestose fronde. Un altro aspetto vandalico che ha caratterizzato la lunga notte dei vandali in azione ad Alghero è quello della devastazione di diverse biciclette, rubate, danneggiate e poi abbandonate”

Alghero, il Ferragosto dei vandali: “Biciclette rubate e devastate, danneggiate anche le piante caratteristiche”. La denuncia del Wwf: “Era piuttosto facile da prevedere che la mattina dopo la notte di ferragosto Alghero si sarebbe svegliata in condizioni non ottimali. Spazzatura, rifiuti, vetro, bottiglie, plastica. Olezzi e miasmi nauseabondi. Ma il fatto che amareggia maggiormente, dal punto di vista della tutela del verde pubblico, è quello che sul lungomare Dante sono stati strappati rami e foglie ad alcuni esemplari di Phytolacca dioica. Un gesto crudele quanto inaccettabile per tutta la città perché la Phytolacca dioica è la pianta più caratteristica di Alghero con le sue antiche e maestose fronde. Un altro aspetto vandalico che ha caratterizzato la lunga notte dei vandali in azione ad Alghero è quello della devastazione di diverse biciclette, rubate, danneggiate e poi abbandonate. Un scenario inaccettabile. Un comportamento incivile che trasforma negativamente l’ambiente urbano, gesti che indignano e che non possono più essere tollerati. Una città turistica deve essere accogliente per i residenti, i turisti e ospitare tutti, ma anche pretendere – da tutti – il rispetto delle regole basilari della convivenza civile a tutte le ore del giorno e della notte”, il Wwf non ci sta e pubblica un dossier fotografico degli atti vandalici.


In questo articolo: