Covid, sei positivi a Tortolì: “In tutto sono 52, ma niente screening di massa in città”

Sono stati segnalati sei nuovi casi positivi in gran parte collegati ai precedenti già tracciati, ma anche una bella notizia: altri cinque guariti che portano il numero di persone negativizzate a 16, da inizio ottobre

“Dagli ultimi dati comunicati dal servizio di igiene pubblica, tra nuove positività e negativizzazioni, nel nostro Comune si contano ad oggi 52 positivi al virus”. A darne comunicazione il sindaco di Tortoli Massimo Cannas, attraverso una nota pubblicata sulla pagina Facebook.
“Nello specifico sono stati segnalati sei nuovi casi positivi in gran parte collegati ai precedenti già tracciati, ma anche una bella notizia: altri cinque guariti che portano il numero di persone negativizzate a 16, da inizio ottobre.
Continuano quindi come da prassi le attività di tracciamento e i protocolli sanitari previsti.
Vogliamo rassicurare la cittadinanza che a Tortolì sono centinaia i tamponi che vengono processati settimanalmente dall’Usca e dai laboratori privati. Esami che vengono effettuati su contesti sospetti e mirati.
Le caratteristiche demografiche e sociali, gli scambi frequenti nella nostra comunità con il resto del circondario, non rendono possibile né opportuno sanitariamente uno screening massiccio della cittadinanza.
È preferibile agire su contesti monitorati in cui c’è un segnale di rischio concreto di contagio, usando i pochi tamponi che si trovano oggi in commercio in modo razionale e più fruttuoso.
Ad ogni modo insieme all’Unione dei Comuni si sta provvedendo ad acquistare diverse migliaia di tamponi da mettere a disposizione per le categorie più sensibili (over 65, studenti, lavoratori) e situazioni particolari da monitorare.
Ricordiamo – conclude- che le armi che abbiamo per combattare questo virus sono sempre le stesse: distanziamento, mascherina e igienizzazione delle mani.


In questo articolo: