Task force a Quartu per consegnare tutti i nuovi mastelli: “Copiate Cagliari, pagate una ditta per il ritiro”

Dopo Pasquetta rifiuti ritirati solo dentro i nuovi bidoncini con microchip, il Comune crea un filo diretto tra gli amministratori di condominio e la De Vizia e avvisa: “In molti palazzi non c’è spazio” e, per evitare marciapiedi invasi dai contenitori, l’unica opzione per ogni cittadino è pagare 10 euro al mese 

A Quartu Sant’Elena scatta la task force per riuscire a consegnare tutti i nuovi mastelli entro il prossimo diciotto aprile. Dopo lo stop alle consegne a causa del blocco dei porti, il Comune intende correre per non lasciare sfornito nemmeno un quartese dei nuovi bidoncini microchippati. E, allora, dopo un incontro tra i vari amministratori dei palazzi e la De Vizia, è stato deciso di creare un numero diretto e una email dedicata tra le due parti. Ad annunciarlo è il vicesindaco Tore Sanna: “Sui mastelli ci stiamo intendendo sempre di più anche con la società Abaco per alleviare i disagi attuali degli utenti, si stanno anche iniziando a posizionare i nuovi cestelli stradali”. Ma il problema principale è quello della fornitura dei nuovi contenitori. Sanna guarda il calendario e osserva che “il diciotto aprile sarà Pasquetta, il nuovo servizio partirà al massimo con qualche giorno di ritardo sulla tabella di marcia”. Una scelta fatta, anche, per non creare caos durante il periodo delle vacanze pasquali.

 

 

Sanna è sicuro: “Il nuovo e rinforzato rapporto tra utenti e De Vizia consentirà di avere migliori informazioni e sarà possibile conteggiare la percentuale spropositata di evasione Tari. In tantissimi palazzi non ci sono gli spazi per contenere tutti i mastelli”. Il rischio è che i marciapiedi di Quartu Sant’Elena vengano invasi dai contenitori: “Si vedranno i mastelli all’aperto tutti in fila”. Ma Sanna ha la soluzione: “Copiare Cagliari, cioè affidarsi a delle ditte esterne per il ritiro e il posizionamento dei bidoncini. Si tratta di una spesa di dieci euro a testa al mese, così sarà possibile mettere più ordine”.


In questo articolo: