Stadio Sant’Elia, nuovo scoglio: la Prefettura chiede altri documenti

Nei giorni scorsi il Comune ha depositato dei documenti che però vengono considerati incompleti. L’assessore Marras: “Stiamo lavorando per l’apertura a 16 mila posti”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Stadio Sant’Elia, la telenovela continua. La Prefettura chiede ulteriori documenti al Comune per poter convocare la Commissione di vigilanza e intanto Cagliari-Udinese verrà disputata davanti a poco meno di 5 mila spettatori, la capienza massima che l’impianto sportivo può al momento ospitare per ragioni di sicurezza.

Troppi nodi da sciogliere ancora. Nei giorni scorsi il Comune ha depositato dei documenti che però vengono considerati incompleti. Inoltre, stando alla nota diffusa oggi dalla Prefettura, l’amministrazione comunale punta a uno stadio da 16 mila posti, rinunciando al progetto per 12 mila spettatori, di cui si era finora parlato.

Una capienza che però verrebbe raggiunta solo con la presenza della Curva Sud, dove però i lavori non sono ancora cominciati. Non c’è pace per i tifosi rossoblu, che dopo le trasferte a Quartu e poi addirittura Trieste, ora devono assistere alle partite della loro squadra del cuore finalmente al Sant’Elia, ma con capienza super ridotta.

Immediata la replica da parte dell’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Luisa Anna Marras: “Come si sottolinea nel comunicato della Prefettura – si legge – il Comune di Cagliari ha trasmesso il 21 febbraio alla società Cagliari Calcio la documentazione sulle prove di carico effettuate sulle tribune metalliche dello stadio Sant’Elia. Il Cagliari Calcio avrebbe dovuto trasmettere la parte progettuale di propria competenza. Abbiamo ricevuto questa mattina la documentazione dalla società e stiamo provvedendo in queste ore alle necessarie e indispensabili verifiche e valutazioni di carattere tecnico. Se tutto dovesse essere a posto, nella giornata di domani la documentazione sarà trasmessa alla Prefettura per la convocazione della Commissione provinciale di vigilanza. Si ribadisce – conclude l’assessore – che l’Amministrazione sta lavorando, d’intesa con la società Cagliari Calcio, per l’apertura dello stadio a 16mila posti”.


In questo articolo: