Solo i vaccinati nei bar e nei ristoranti, ok delle imprese: “Meglio il super green pass delle chiusure”

Baristi e ristoratori d’accordo con la certificazione verde. Confesercenti: “Dobbiamo bloccare il virus una volta per tutte. E non si può intervenire sempre con coprifuoco e altri con provvedimenti più severi, se c’è una misura da prendere preferiamo questa che è quella più tollerabile”.

“Il super green pass che nega ai non vaccinati l’accesso a bar e ristoranti? Sì, meglio delle chiusure”. Così Confesercenti della Sardegna meridionale commenta il varo imminente del super certificato verde che consentirà esclusivamente alle persone vaccinate la possibilità di frequentare le attività ricreative e l’accesso a luoghi pubblici come bar, ristoranti, cinema, teatri, piscine, palestre, ecc.
“È una soluzione di mediana che possiamo accettare, rispetto a quelle più drastiche”, spiega Marco Medda, Confesercenti, “qualcuno deve riflettere sul fatto che bisogna bloccare questa situazione. Non si può intervenire sempre con chiusure con provvedimenti più severi, se c’è una misura da prendere preferiamo che questa è quella più tollerabile. Meglio il super green pass delle chiusure”.
Qualcuno teme un calo degli incassi proprio sotto le feste.
“Il calo è colpa dell’assoluta liberalizzazione del commercio su internet e con le promozioni fatte in questi periodi”, aggiunge Medda, “anche lì ci vorrebbe una regolamentazione. Non è possibile che le regole valgano solo per il commercio di vicinato mentre tutti gli altri fanno ciò che gli pare”.


In questo articolo: