Serramanna, “casa popolare alla famiglia che ha perso tutto nel rogo”: una mozione in Comune

L’opposizione chiede all’Amministrazione Comunale con una mozione di assegnare in via eccezionale un alloggio popolare alla famiglia che ha perso tutto a causa di un rogo che ha distrutto l’abitazione

È stata presentata oggi una mozione per emergenza abitativa/assegnazione provvisoria in regime di riserva dal gruppo consiliare “Progetto Serramanna”. Sono trascorsi dieci giorni dal rogo che ha completamente distrutto una abitazione in vico Regina Elena. Un evento che ha scosso la comunità, che si è subito stretta attorno alla famiglia che ha perso tutto ciò che possedeva nell’incendio, donando vestiario e viveri di prima necessità. In questi giorni hanno alloggiato in una sistemazione provvisoria messa a disposizione dal comune. “Riteniamo però impraticabile – spiegano i consiglieri di Progetto Serramanna – la proposta avanzata da parte dell’Amministrazione Comunale di poter anticipare per 6  mensilità i costi  dell’affitto, pari a 1.800 euro, poiché al termine di questi non riuscirebbero in nessun modo, visto il loro basso reddito, a rispettare le scadenze”.

Una situazione di disagio che si sommerebbe a quello attuale poiché priverebbe la famiglia dei viveri primari necessari alla sopravvivenza. Vi potrebbe essere una soluzione, cioè quella di poter usufruire di uno dei quattro appartamenti popolari liberi in paese che, in caso di emergenza abitativa, possono essere concessi in via eccezionale come prevedono le norme attuali. A tal proposito, la mozione presentata al Comune ha il fine di richiedere all’Amministrazione Regionale l’autorizzazione per l’assegnazione in regime riserva dell’alloggio popolare a favore della famiglia.


In questo articolo: