Sardegna, petizione contro la beffa dell’energia: “Un furto fare pagare di più agli onesti”

“Far pagare agli utenti onesti i debiti di chi non paga è un furto. Illegittimo, illegale irragionevole e irrazionale. Quello proposto dall’Autorità per l’energia elettrica e sottoposto a consultazione pubblica, scadenza termini per intervenire 26 febbraio, è un atto sprezzante del buon senso e in totale dispregio della Costituzione e del Codice civile”

“Far pagare agli utenti onesti i debiti di chi non paga è un furto. Illegittimo, illegale irragionevole e irrazionale. Quello proposto dall’Autorità per l’energia elettrica e sottoposto a consultazione pubblica, scadenza termini per intervenire 26 febbraio, è un atto sprezzante del buon senso e in totale dispregio della Costituzione e del Codice civile. Con questo principio si autorizzano tutti a non pagare perché tanto quelli che pagano si sostituiranno ai morosi. Tutto ciò è semplicemente una follia che va cancellata senza perdere altro tempo. La petizione online lanciata stamane ha raccolto in poche ore migliaia di firme e ha una crescita esponenziale che vede adesioni da tutta Italia. Si tratta di una vera e propria rivolta che interviene direttamente nelle procedure di consultazione dell’Autorità per l’Energia elettrica e il gas. Basta ladrocini sulle bollette dei beni essenziali, dall’acqua all’energia elettrica. Siamo pronti a tutto pur di fermare questo ennesimo furto”. Lo ha detto stamane il leader di Unidos Mauro Pili annunciando di aver lanciato con il suo movimento un’imponente mobilitazione sarda e nazionale contro la delibera dell’autorità per l’energia che prevede appunto di scaricare su tutti gli utenti i debiti dei morosi. Migliaia ogni ora le firme sulla piattaforma nazionale: https://www.change.org/p/presidente-autorita-per-l-energia-elettrica-e-il-gas-no-alle-bollette-elettriche-con-i-debiti-dei-morosi
“Si tratta – ha detto Mauro Pili – di una mobilitazione giuridicamente incardinata nella procedura di consultazione e fondata su principi fondamentali del diritto civile e costituzionale. In questa direzione il pool legale che sta già assistendo Unidos in questa nuova battaglia ha già individuato gli elementi cardine per contrastare questo nuovo tentativo si saccheggiare le tasche delle famiglie”.

Nella petizione sono indicate con precisione tutte le gravi violazioni di legge e l’irragionevolezza del provvedimento proposto.


In questo articolo: