Sardegna, Giornata internazionale dedicata ai bambini scomparsi

La ricorrenza serve a sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica sul fenomeno, affinché nessun minore scomparso venga dimenticato e far sì che non vengano mai interrotte le ricerche. L’iniziativa è finalizzata a promuovere e incentivare una collaborazione con i soggetti direttamente interessati e sollecitare tutte le persone a comportamenti virtuosi, per diffondere un messaggio di speranza alle famiglie che vivono il dramma della scomparsa di un proprio caro.

La Polizia di Stato di Oristano oggi 25 maggio, nella ricorrenza della giornata internazionale dedicata ai bambini scomparsi, ha inviato i Poliziotti di Quartiere presso alcune scuole del Capoluogo per sensibilizzare gli studenti sull’importanza di parlare in casa e soprattutto denunciare gli atteggiamenti sospetti da parte di persone terze, per tenere sempre alta l’attenzione sul fenomeno, sempre preoccupante.

La ricorrenza serve a sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica sul fenomeno, affinché nessun minore scomparso venga dimenticato e far sì che non vengano mai interrotte le ricerche. L’iniziativa è finalizzata a promuovere e incentivare una collaborazione con i soggetti direttamente interessati e sollecitare tutte le persone a comportamenti virtuosi, per diffondere un messaggio di speranza alle famiglie che vivono il dramma della scomparsa di un proprio caro.

Il fattore primario nella gestione di un caso di scomparsa è la tempestività e la completezza della denuncia, in modo che le ricerche possano essere diramate immediatamente.

Proprio per l’importanza dell’avvenimento, già dal 18 maggio sono andati in onda sulle reti Rai e sulle emittenti radiofoniche alcuni spot per sensibilizzare sul tema e sull’importanza di effettuare le denunce nell’immediatezza dell’evento. I video fanno parte della campagna di comunicazione realizzata del Commissario straordinario del governo Silvana Riccio in collaborazione con il Dipartimento per l’Informazione e l’editoria (Die) della Presidenza del Consiglio dei ministri.

La Polizia di Stato da sempre attenta a tutelare le fasce più deboli e in particolar modo i minori, dal 2000 ha aderito al network internazionale (che ora conta 30 Paesi) dell’Icmec (International Centre for Missing & Exploited Children) attivando il sito italiano per i bambini scomparsi – it.globalmissingkids.org. Sul sito web, gestito dalla Direzione centrale anticrimine, oltre a consigli e informazioni, vengono pubblicati anche i casi di minori scomparsi.

Sul tema esistono linee guida emanate dal Commissario Straordinario del governo per le persone scomparse e i piani provinciali di ricerca adottati dai prefetti.

Ricordiamo, inoltre, che oltre ai numeri di emergenza e pronto intervento – 113 e 112 NUE – esiste il numero unico europeo 116000; un servizio dedicato ai minori scomparsi, affidato, dal Ministero dell’Interno, in gestione a “S.O.S. Il Telefono Azzurro – Linea Nazionale per la Prevenzione dell’Abuso all’Infanzia”.


In questo articolo: