Sardegna bianca, subito ristoranti e bar aperti la sera: per palestre e piscine forse rinvio di una settimana

Sono le prime ipotesi che emergono da fonti vicine alla Regione: riapertura da lunedì di bar e ristoranti a cena con coprifuoco allungato, mentre in attesa di conoscere i protocolli precisi palestre e piscine potrebbero riaprire in Sardegna una settimana dopo. L’ordinanza di Solinas potrebbe infatti arrivare domenica sera e stabilirà le “riaperture graduali”

Sardegna bianca, subito ristoranti e bar aperti la sera da lunedì: per palestre e piscine forse rinvio di una settimana. Sono le prime ipotesi che emergono da fonti vicine alla Regione: riapertura da lunedì di bar e ristoranti a cena con coprifuoco allungato, mentre in attesa di conoscere i protocolli precisi palestre e piscine potrebbero riaprire in Sardegna una settimana dopo. L’ordinanza di Solinas potrebbe infatti arrivare domenica sera e stabilirà le “riaperture graduali” annunciate: nulla deve essere lasciato al caso, i controlli dovranno essere rigidi anche in zona bianca, le norme dovranno essere rispettate per non rischiare un clamoroso autogol. Con la riapertura serale il coprifuoco sicuramente verrà spostato più avanti delle 22, forse intorno a mezzanotte, per consentire a migliaia di ristoranti e pizzerie sarde di ricominciare a respirare e lavorare. In questo caso infatti varranno i soliti limiti del distanziamento tra i tavoli, che saranno però specificati nei dettagli nell’ordinanza di Solinas che è in preparazione.

Più complessa la situazione per palestre e piscine, per le quali è in atto un confronto importante con l’ISS. Quali norme esattamente dovranno rispettare le palestre per evitare nuovi contagi? I titolari delle palestre sperano ancora in una riapertura già da lunedì, e sono in pressing per poterla ottenere. Anche tanti sportivi sardi non vedono l’ora di ricominciare ad allenarsi, ma potrebbe essere necessario qualche giorno per consentire agli stessi impianti di adeguarsi ai protocolli sanitari., che saranno molto stringenti. Con la Sardegna zona bianca tutte le attività potranno comunque gradualmente riaprire, ma servirà la massima attenzione: mascherine sempre obbligatorie, divieto di assembramenti e gel igienizzanti per tutti. Sarà fondamentale mantenere la massima allerta per non rischiare di tornare in zona gialla o, peggio ancora, in zona arancione o rossa anche a causa della variante inglese in circolazione anche in Sardegna. Riapriranno anche i cinema e i teatri.

Jacopo.norfo@castedduonline.it


In questo articolo: