Salvini e Meloni contro Fioramonti: “Il crocifisso in aula non si tocca”

Il ministro dell’Istruzione aveva affermato che al posto del simbolo sacro starebbe meglio “una cartina del mondo con dei richiami alla Costituzione’

La frase del ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, sul crocefisso in aula, al cui posto starebbe meglio “una cartina del mondo con dei richiami alla Costituzione’, suscita una levata di scudi a destra. “La nostra cultura, la nostra identità, la nostra storia, in ogni ufficio comunale un crocifisso e guai a chi lo tocca. Soprattutto in una terra come l’Umbria. Ieri sono stato a Cascia e a Norcia e vagli a dire non ci piacciono più Santa Rita e San Benedetto”, tuona Matteo Salvini in diretta Facebook. Fioramonti “mi sembra un ministro più da centro sociale che da ricerca universitaria”, ha sostenuto il segretario leghista. CONTINUA A LEGGERE SU AGI.IT


In questo articolo: