Riflettere sull’acqua: dialoghi sul paesaggio urbano e il bene comune a Quartucciu

Si chiude domani alla Domus Art (ex Casa Angioni) di Quartucciu la settimana di iniziative organizzate dall’Ordine degli Architetti della Città metropolitana di Cagliari e Sud Sardegna in collaborazione con il Comune di Quartucciu per raccontare al pubblico i Lavori di rinaturalizzazione ambientale e idraulica e la realizzazione del parco lineare sul Rio Is Cungiaus.

Si chiude domani, venerdì 26 novembre alla Domus Art (ex Casa Angioni) di Quartucciu la settimana di iniziative organizzate dall’Ordine degli Architetti (PPC) della Città metropolitana di Cagliari e Sud Sardegna in collaborazione con il Comune di Quartucciu per raccontare al pubblico i Lavori di rinaturalizzazione ambientale e idraulica e la realizzazione del parco lineare sul Rio Is Cungiaus. Alle 17.30 si terrà il convegno dal titolo Riflettere sull’acqua: dialoghi sul paesaggio urbano e il bene comune«Lo spazio pubblico, il paesaggio e in generale tutto il bene comune esigono la ricerca della qualità che ci ritorna in forma di benessere, come plusvalore anche economico che ripaga la collettività degli sforzi fatti nel ricercarla – spiega Michele Casciu, presidente dell’Ordine cagliaritano -. Noi architetti siamo i rabdomanti di questa ricchezza, la qualità. Abbiamo le competenze per trovarla con la nostra capacità di gestione della complessità e di coordinamento delle differenti figure coinvolte nel progetto».

Dialogheranno con i relatori le architette paesaggiste Enrica Campus e Teresa De Montis, che in qualità di referente per l’organizzazione del convegno spiega: «È sempre più importante che noi architetti promuoviamo incontri multidisciplinari aperti alla cittadinanza per raccontare le nostre competenze e ascoltare le richieste o aspettative del territorio fuori dai circuiti canonici della convegnistica di settore. La multidisciplinarietà è ricchezza».

I RELATORI DEL CONVEGNO:

Maria Agostina Cabiddu, costituzionalista, docente di Istituzioni di Diritto pubblico al Politecnico di Milano. Recentemente ha pubblicato il libro Bellezza. Per un sistema Nazionale (Ed. Doppiavoce) nel quale traccia il fondamento costituzionale di un (nuovo) diritto universale alla bellezza, come interesse giuridicamente rilevante.

Gianni Agnesaingegnere e coordinatore del progetto di formazione Campus Paesaggio Sardegna – Formez PA, vincitore del secondo posto al premio Basile che l’Associazione Italiana Formatori assegna ogni anno alle Pubbliche Amministrazioni che si sono distinte per qualità e innovatività nell’attuazione di progetti formativi.

Giulia Clarkson, giornalista, skipper, campionessa di windsurf e scrittrice dialogherà col pubblico partendo dal suo romanzo La città dell’acqua (Ed. il Maestrale) che rievoca il mondo perduto di una civiltà di pescatori lagunari. Un luogo al limite, né mare né terra, come le esistenze messe in scena dall’autrice: al confine tra adolescenza e maturità, tra realtà e illusione.

Marco Cadinu, Professore di Storia dell’architettura all’Università di Cagliari – produttore del film documentario Funtaneris – Sulle strade dell’acqua dove due architetti e un fotografo intraprendono un viaggio nell’entroterra della Sardegna alla ricerca dei custodi delle storie e delle tradizioni legate alle architetture dell’acqua.

Davide Casu,  Ingegnere, responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune di Quartucciu, RUP del procedimento e redattore del documento preliminare all’avvio del Concorso di Progettazione per l’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria per i “lavori di rinaturalizzazione ambientale e idraulica e realizzazione del parco lineare sul rio Is cungiaus”.

Chiuderà l’incontro il sindaco di Quartucciu, Pietro Pisu.


In questo articolo: