Poggio dei Pini, storico accordo: sì ad altri 92 lotti, in cambio Cala d’Orri e due aree boschive al Comune per i percorsi turistici

92 nuove villette a Poggio dei Pini. La cooperativa Poggio dei Pini rinuncia per sempre a tutte le volumetrie assentite nel piano di fabbricazione degli anni 60, cede al Comune due grandi aree boschive ai piedi di S.Barbara e S.Gerolamo dove in futuro potranno essere realizzati dei percorsi turistici – religiosi. Il Comune inoltre acquisirà Cala d’Orri per valorizzarla

Poggio dei Pini, lo storico accordo: sì ad altri 92 lotti, in cambio Cala d’Orri e due aree boschive al Comune per i percorsi turistici. Ieri notte il Consiglio Comunale di Capoterra, ha adottato la Variante al Piano di Lottizzazione di Poggio dei Pini. Hanno votato a favore il sindaco Dessi, i Consiglieri Aroni, Cau, Cossu, Baire, Fiume, Littarru, Mallus, Magi, Marcis, Pinna, Zaccheddu. Presente in aula tutta la Giunta : Craboledda, Corda, Farigu, Melis, Piga. “E’ il risultato di anni di lavoro e confronto con la Cooperativa Poggio dei Pini- spiega l’assessore Silvano Corda-  e un risultato importante per tutti i cittadini di Capoterra. A nostro avviso una svolta epocale nella direzione della tutela del grande patrimonio ambientale nel territorio amministrato dalla Coop Poggio dei Pini”.

La cooperativa Poggio dei Pini rinuncia per sempre a tutte le volumetrie assentite nel piano di fabbricazione degli anni 60, cede al Comune due grandi aree boschive ai piedi di S.Barbara e S.Gerolamo dove in futuro potranno essere realizzati dei percorsi turistici – religiosi. Il Comune inoltre acquisirà Cala d’Orri per iniziare un’opera di valorizzazione. Tutto il resto del territorio della Coop sarà vincolato per sempre a verde pubblico comprese tutte le pinete e boschi di valore ambientale. La Coop completerà le opere di urbanizzazione primaria e realizzerà gli ultimi 92 lotti. Sarà riordinato tutto il Piano Attuativo e le convenzioni in essere saranno integrate nell’ultima definitiva convenzione. Il Comune riceverà anche dei proventi da urbanizzazione secondaria. “Riteniamo che sia un risultato ottimo, un risultato frutto di un grande lavoro di confronto politico , iniziato tanti anni fa con la attuale maggioranza che sta amministrando il Comune e con l’amministrazione di centro sinistra che ci ha preceduti”, spiega il sindaco di Capoterra Francesco Dessì.


In questo articolo: